Cerca

Orrore nel Regno Unito

Brexit, deputata ammazzata in strada. Il grafico che cambia la storia / Guarda

Brexit, deputata ammazzata in strada. Il grafico che cambia la storia / Guarda

L'orrore in Gran Bretagna: accoltellata più volte, finita con tre colpi di pistola. È stata uccisa così Helen Joanne Cox, deputata laburista e contro la Brexit. Il folle, con simpatie neonaziste, l'ha ammazzata gridando "Britain first", la Gran Bretagna prima di tutto. Un gesto, si suppone, fortemente legato al referendum sull'uscita dall'Unione europea, contro il quale, come detto, la 41enne si batteva in prima linea. L'orrore è avvenuto alle porte di Leeds, nel West Yorkshire, nel villaggio Birstall. Ad uccidere è stato Thomas Mair, 52 anni, fermato poco dopo.

Un orrore che, purtroppo, è già storia. Un omicidio efferato che potrebbe spingere il fronte Brexit alla sconfitta, per inciso lo stesso fronte Brexit al quale appartiene la bestia che ha ucciso. Il contraccolpo emotivo di una simile vicenda, a pochissime ore dal voto, potrebbe cambiare le sorti del referendum. E se Brexit poteva cambiare la storia, ora, con ottima probabilità, è il momento di follia di un criminale a cambiare la storia. Non soltanto quella della povera Cox, a cui ha spezzato la vita, ma anche quella del Regno Unito e dell'Europa. La Brexit sembrava probabile. Ora molto meno. E a dimostrarlo in maniera lampante ci pensa questo grafico mostrato dal TgLa7 di Enrico Mentana: dopo l'omicidio, la Borsa di Londra è schizzata verso l'alto. I mercati, insomma, cambiano idea: con la morte della Cox scommettono sulla sconfitta del fronte Brexit.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    17 Giugno 2016 - 14:02

    Non sarebbe il primo omicidio che cerca di cambiare la storia. (e credo neanche l'ultimo)

    Report

    Rispondi

  • realityman17m

    17 Giugno 2016 - 11:11

    NON CAMBIA NULLA, GLI INGLESI VOGLIONO USCIRE DA QUESTO GRUPPO DI ESALTATI DELLA UE.

    Report

    Rispondi

blog