Cerca

La scalata

È tornata la Thatcher. Regno Unito, Theresa May primo ministro: il marito, il Pakistan, il segreto

Theresa May

Theresa May, 60 anni a ottobre, si avvia diventare la seconda donna a guidare il governo britannico dopo Margaret Thatcher. Ministro dell’Interno fra i più longevi del suo Paese, la May era da tempo considerata come potenziale futuro leader del suo partito. I Tories hanno deciso: sarà lei, mercoledì, a prendere il posto di David Cameron, dimissionario dopo la sconfitta al referendum sulla Brexit.

Figlia di un pastore anglicano del Sussex, proviene, come già fu per la lady di ferro, da un ambiente molto più modesto di quello dei tanti  uomini educati a Eton e Oxford che circondano il primo ministro uscente Cameron. Anche la May, che ha studiato nelle scuole statali, è stata a Oxford, ma grazie ad una borsa di studio. Prima di entrare in politica come deputato conservatore nel 1997, lavorava alla banca d’Inghilterra.

Ministro dell’Interno dal 2010, ha ottenuto molta notorietà nel 2013 quando è riuscita ad espellere dal Paese l’imam radicale Abu Qatada, ma è stata criticata per non aver mantenuto la promessa del governo di portare il numero netto degli immigrati sotto i 100mila l’anno. Schierata a favore del Remain al referendum sulla Brexit pur senza spendersi troppo, ha assicurato che rispetterà l’esito della consultazione portando la Gran Bretagna fuori dall’Unione Europea ed ha escluso elezioni anticipate.

Ritiene che la richiesta formale di uscita dall’Ue non potrà arrivare prima della fine dell’anno, per avere il tempo di definire la posizione britannica nel negoziato. In quest’ambito, May ha precisato che lo status dei cittadini europei residenti in Gran Bretagna farà parte delle trattative, senza garantire quindi che possano rimanere.

Sostenitrice della modernizzazione del partito conservatore, la May ha sempre spinto per una maggior presenza femminile fra i deputati Tories. Oggi promette di unificare il partito e il Paese dopo lo shock della Brexit e di mettere il suo partito "al servizio della gente che lavora". Considerata una "tosta", la May viene paragonata dal Guardian ad una preside che mantiene la calma davanti ad una classe di allievi turbolenti.

Unica debolezza nota è quella per le scarpe stravaganti. Nella vita privata, è sposata con Philip May, un banchiere che ha conosciuto quando entrambi studiavano a Oxford. Pare che a presentarli, ad un ballo di giovani conservatori, sia stata la futura primo ministro del Pakistan, Benazir Bhutto.

Come ormai tutti sanno, la coppia non ha figli. L’infelice considerazione della sua avversaria Andrea Leadsom, sul fatto di poter essere un miglior primo ministro perché madre, si è ritorta verso quest’ultima contribuendo oggi alla sua decisione di ritirarsi dalla corsa a leader del partito conservatore. Senza più avversari, la May sia avvia dunque a succedere a David Cameron, che si è dimesso all’indomani del referendum del 23 giugno sulla Brexit.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nopolcorrect

    11 Luglio 2016 - 18:06

    Theresa May è a favore dei respingimenti dei cosiddetti "migranti", finché lo diceva Salvini era uno sporco razzista e fascista...L'Inghilterra si appresta a salvare ancora una volta l'Europa.

    Report

    Rispondi

blog