Cerca

Il caso

Germania, profugo tenta una strage sul treno. Grida "Allah Akbar" e colpisce quattro persone

Germania, profugo tenta una strage sul treno. Grida "Allah Akbar" e colpisce quattro persone

Almeno quattro persone sono state ferite da un giovane afghano armato di accetta a bordo di un treno nel sud della Germania. L'aggressore, 17 anni, è poi stato ucciso dalla polizia dopo che era sceso dal treno regionale e si era dato alla fuga. Non sono chiari i motivi del suo gesto. L'attacco è avvenuto nei pressi di Wurzburg, capoluogo della Bassa Franconia, nella Germania meridionale. Tre dei feriti sono gravi e altri 14 passeggeri sono stati assistiti dai medici perché in stato di choc. Il treno era partito da Treuchtlingen alla volta proprio di Wurzburg. La tratta ferroviaria e' stata chiusa.  L'uomo urlato "Allah akbar".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miacis

    27 Luglio 2016 - 19:07

    Tranquilli questo sarà sicuramente uno squilibrato ....ma esistono anche assassini equilibrati? Partendo da quello che ha fatto fuori J:F:K: (anche lui ha avuto l'idea di rendere il dollaro degli americani e non dei banchieri americani) qualcuno mi porta ad esempio un assassino equilibrato perfettamente sano di mente?!

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    19 Luglio 2016 - 12:12

    per la sinistra ,anche questa persona,come quello di Nizza è uno sfigato,uno depresso,un lupo solitario e quindi possiamo stare tranquilli anche se ,per quello francese, è dimostrato che aveva collegamenti e si era convertito all'Isis ,da pochi giorni come ha dichiarato un suo zio ,anche se la Francia dice che non ci sono prove.Se non lo sa un parente che cazzo ne sa la polizia ?

    Report

    Rispondi

  • marari

    19 Luglio 2016 - 09:09

    Devono arrestare la bella famiglia accogliente che pur vedendo le simpatie verso ISIS non ha denunciato questo clandestino ( la bandiera ISIS in camera non era un souvenir). Altro che accoglienza, forse sono complici degli jihadisti.

    Report

    Rispondi

blog