Cerca

Attacco al centro commerciale

Monaco, è una strage di bambini. La tragica verità sulle vittime

Monaco, è una strage di bambini. La tragica verità sulle vittime

E' una strage di bambini e ragazzini. Sono cinque i minori rimasti uccisi nell'attentato compiuto venerdì 22 luglio nel centro commerciale Olympia a Monaco di Baviera da un giovane di 18 anni con doppia cittadinanza tedesca e iraniana che, dopo aver sparato sulla gente, si è suicidato. 

Tra le vittime c'è una ragazza di 15 anni. E vi sarebbero diversi bambini tra i feriti, secondo quanto detto dal capo della polizia Hubertus Andrae. "Cinque vittime", ha reso noto la polizia di Monaco, "avevano meno di 18 anni". Anche i maggiorenni rimasti uccisi erano giovanissimi: secondo quanto riportato dalla televisione bavarese Bayerische Rundfunk otto delle vittime - due ragazze e sei ragazzi - avevano tra i 14 ed i 21 anni. La nona vittima sarebbe una donna di 45 anni. Mentre vengono considerate molto gravi le condizioni di due dei 16 feriti ricoverati in diversi ospedali di Monaco.

Ali Sonboly non era noto alla polizia, ha reso noto Andrae, precisando che non è "ancora chiarito a pieno" il movente dell'attentatore . "La risposta alla domanda se questo sia stato terrorismo o una strage della follia è legata al movente e su questo non possiamo dire ancora niente", ha detto ancora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomolovecch1

    23 Luglio 2016 - 15:03

    .......avevano detto che si trattava di un tedesco......questo sempre iraniano rimane ...la doppia cittadinanza è ambigua !

    Report

    Rispondi

  • egenna

    23 Luglio 2016 - 14:02

    Alla faccia della generazione,imbecilli già da piccoli. Cordiali saluti

    Report

    Rispondi

  • antipifferaio

    23 Luglio 2016 - 13:01

    Una cosa: mi spiegate com un ragazzo di 18 anni senza nessuna esperienza balistica, peraltro "esaurito", aveva la lucidità di sparare DA SOLO raffiche di proiettili? Inoltre con una piccola pistola, ma di che calibro era? Chi gli ha dato tutte quelle cartucce (300 e oltre) visto che per comprarle in armeria ci vuoleil porto di arma da fuoco? Come faceva con un solo caricatore (sempre se era da sol

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    23 Luglio 2016 - 12:12

    Basta con queste masturbazioni mentali: non si sa ancora se è terrorismo islamista? A me basta la nazionalità dell'assassino per dire: tutti fuori dai piedi. A Nizza era marocchino, quest a Monaco di Baviera è iraniano, entrambi di religione mussulmana. L'Europa si deve svegliare una buona volta, altro che insabbiare come sembrano fare a Nizza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog