Cerca

Sangue transalpino

"Chi era uno dei terroristi in chiesa": la rivelazione che devasta la Francia

"Chi era uno dei terroristi in chiesa": la rivelazione che devasta la Francia

Ancora orrore firmato Isis in Francia, dove due persone sono state sgozzate nella chiesa di Saint-Etienne du Rouvray, nei pressi del piccolo centro di Rouen. Due terroristi armati di coltello hanno fatto irruzione durante la messa urlando "Allah Akbar" e "Daesh", l'acronimo in arabo dell'Isis, uccidendo per primo il prete, don Jacques Hamelle di 86 anni, e ferendo gravemente un fedele che assisteva alla celebrazione. Quest'ultimo sarebbe morto poco dopo essere arrivato nell'ospedale di Rouen, secondo i media francesi. Assediati nella chiesa sono poi rimasti i due terroristi che hanno preso in ostaggio quattro persone: due sorelle e altri due fedeli, di questi uno è morto in ospedale. 

"Persona nota" - A distanza di qualche ora dall'agguato, la tv francese M6 sostiene che uno dei due assalitori era già noto alla polizia, "schedato con la lettera S", ovvero quella che viene assegnata dall'intelligence a individui potenzialmente radicalizzati e giudicati in grado di poter passare all'azione. Se la notizia venisse confermata ufficialmente, si tratterebbe di un nuovo e duro colpo per le autorità transalpine, già duramente criticate per la mancata prevenzione dei numerosi attacchi che hanno colpito il Paese negli ultimi mesi. Inoltre, è stato affermato che uno dei due assalitori era uscito di prigione lo scorso 22 marzo e, attualmente, indossava ancora il braccialetto elettronico.

Il blitz - La polizia è intervenuto all'interno della chiesa con un blitz , "neutralizzando i due attentatori". Così ha riferito il ministero dell'Interno. Dalla prima ricostruzione degli agenti, i due terroristi sarebbero entrati nella chiesa attraverso la porta posteriore, tra le 9 e le 9.30. L'allarme, secondo le prime informazioni, sarebbe stato dato successivamente da una suora, che sarebbe riuscita a fuggire al momento dell'attacco.

Artificieri - Dopo poco più di due ore dall'attacco, la polizia ha mantenuto ancora l'isolamento per il timore di esplosivi all'interno della chiesa. Per precauzione sono intervenuti anche gli artificieri che stanno ispezionando l'interno della chiesa di Saint Etienne du Rouvray.

Le indagini - Sia il presidente francese, François Hollande che il ministro degli Interni, Bernard Cazeneuve, si sono recati piccola località della Normandia. Il presidente ha un particolare legame con la regione poiché nato a Rouen, a poca distanza dal luogo dell'attacco. Le indagini sul caso sono già state affidate alla procura antiterrorismo. L'assalto alla chiesa cade dodici dopo la mattanza di Nizza, dopo la quale era stato prorogato per altri sei mesi lo stato di emergenza.

Le reazioni - I due aggressori "hanno sostenuto di essere di Daesh". Così il presidente Francois Hollande, il quale ha aggiunto che la Francia si trova ad essere "di nuovo sotto attacco dello Stato Islamico". Nette anche le parole del premier, Manuel Valls, che ha parlato su Twitter di "orrore di fronte al barbaro attacco nella chiesa di Seine-Maritime". E ancora: "La Francia intera e tutti i cattolici sono stati colpiti. Faremo blocco". E c'è anche la reazione del Vaticano, con un comunicato della Santa Sede che spiega: "Il Papa è informato e partecipa al dolore e all’orrore per questa violenza assurda, con la condanna più radicale di ogni forma di odio e la preghiera per le persone colpite".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Elio De Bon

    26 Luglio 2016 - 15:03

    Noi in Italia abbiamo dei deficienti al governo, ma anche i francesi non scherzano in idiozia.

    Report

    Rispondi

  • forbetto

    26 Luglio 2016 - 15:03

    ma noto, erano solo due con problemi psichici, non c’è problema, dai ragazzi; siete sempre i soliti catastrofisti....... si stanno integrando!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • secessionista

    26 Luglio 2016 - 14:02

    Invece Alfano ha letto solo libri di favole e vive in un mondo tutto suo e la favola che più ha letto è Alì Babà e i quaranta ladroni , ovvero tutti gli indagati del suo misero partito.......

    Report

    Rispondi

  • architecture.dsalme

    26 Luglio 2016 - 14:02

    Cosa czz vuol dire "ogni forma di odio?" Forse il Francesco che viene da lontano vuol condannare anche il nostro disprezzo e il nostro odio per l'Islam che vuole massacrarci?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog