Cerca

L'ultimatum

L'estorsione di Erdogan a tutta l'Europa. Entro questa data ci farà invadere

L'estorsione di Erdogan a tutta l'Europa. Entro questa data ci farà invadere

La vendetta del presidente turco Recep Erdogan dopo il fallito golpe dello scorso 15 luglio prosegue con spietata impazienza. In patria non si fermano gli arresti e le ritorsioni contro tutti quelli che sono sospettati di aver avuto un legame, seppur vago, con il tentativo di destituire il regime in carica, dai magistrati ai giornalisti, fino agli insegnanti delle scuole e i docenti delle università. All'estero il governo turco ha tutte le intenzioni di piazzare un coltellaccio alla gola dell'Unione europea, con la quale ha stipulato una convenzione, pagata profumatamente ai turchi, per il controllo delle migrazioni provenienti dal Medioriente.

Dalle pagine del Frankfurter Allgemeine Zeitung, il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu si è affrettato a chiarire che non si tratta di una "minaccia". Ma già il fatto che il ministro parli a un giornale tedesco rende chiaro come il messaggio sia diretto al leader politico più influente dell'Ue. Ed è proprio ad Angela Merkel che la Turchia chiede entro ottobre di approvare la misura che permetta ai cittadini turchi di entrare e circolare in Europa senza la necessità di un visto.

A Bruxelles è sempre più chiaro quanto siano spuntate le armi della diplomazia con il caso turco. Un portavoce europeo ha risposto ad Ankara che: "Se la Turchia vuole la liberalizzazione dei visti, deve soddisfare i criteri richiesti dall'Europa". Ma al sultano Erdogan basta minacciare la riapertura delle sue frontiere per riportare i vertici europei su più miti consigli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • anna.tomasi

    05 Agosto 2016 - 17:05

    E che la smettessero americani, inglesi e francesi di imporre la cosidetta democrazia. In questi paesi non sanno che cos'è, non se ne fanno nulla, anzi la comprendono come una debolezza. Persino Gheddafi, che santo non fu, l'aveva capito. Almeno quello era il capobastone che teneva tutte le tribù al loro posto.

    Report

    Rispondi

  • ramadan

    01 Agosto 2016 - 22:10

    la turchia finora è andata bene a tutti: fa parte della nato e quindi non si tocca. cosa ha erdogan di diverso da saddam,gheddaf i,assad ? come mai quelli sono stati fatti fuori e questo no ? chi risponde ? attendo fiducioso,ma sfiduciato.

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    01 Agosto 2016 - 18:06

    A questo siamo arrivati? Farci ricattare dalla Turchia? Bloccare tutti gli arrembaggi alla partenza e farli gestire dai paesi d'imbarco no? Basta con questo buonismo che genera migliaia di morti e produce vergognosi business alla peggior specie di delinquenti.Il Papa rifletta un attimo e ci faccia sapere da che parte sta?

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    01 Agosto 2016 - 15:03

    .....diamo un pò di ferie alla Marina ed il problema dell'invasione sarà risolto !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog