Cerca

Guerra allo stato islamico

Bombardano a pochi km dall'Italia: Usa, primo attacco all'Isis in Libia

Primi raid degli Stati Uniti in Libia. Bombardamenti a Sirte contro l'Isis

Raid aerei Usa hanno colpito postazioni dell'Isis a Sirte, in Libia. A confermarlo è il Pentagono. Si tratta del primo coinvolgimento diretto degli Stati Uniti nella battaglia condotta dalle forze libiche contro lo Stato islamico. Gli attacchi, afferma il Pentagono, sono stati effettuati su richiesta del governo libico.

"Altri bombardamenti continueranno a prendere di mira l'Isis a Sirte" per consentire al governo di unità libico di "compiere un'avanzata decisiva e strategica", ha detto il portavoce del Pentagono Peter Cook. In un messaggio video diffuso in precedenza, il premier libico Fayez Serraj, aveva annunciato di aver richiesto il supporto aereo alla coalizione di nazioni guidata dagli Stati Uniti. "Sono stati effettuati i primi raid aerei Usa contro postazioni dell'Is a Sirte su richiesta del Consiglio presidenziale del governo di concordia nazionale" libico, aveva detto al-Serraj, aggiungendo che "i raid avranno una durata limitata" e evidenziando come le prime operazioni abbiano "inflitto pesanti perdite" tra le fila dei jihadisti dell'Is.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • solitario48

    03 Agosto 2016 - 10:10

    LA FRANCIA E DIVENTATA ELEENTO DI DESTABILIZZAZIONE IN MEDIORIENTE: DAL 2 AGOSTO APPRENDIAMO CHE ELEMENTI SCELTI DELLE TRUPPE FRANCESI GIA' OPERANO SUL SUOLO LIBICO ! ! ! E NOI -che siamo come una portaerei nel MEDITERRANEO- non sappiamo nulla e non vediamo nulla. La VERITA' ALLORA SEMPLICEMENTE QUESTA: COME L'AMERICA DI OBAMA ANCHE L'ITALIA DI NAPOLITANO E DEI SUOI GOVERNI NON CONTA UN CAZZO!!!!

    Report

    Rispondi

  • solitario48

    03 Agosto 2016 - 10:10

    E' INTERESSE PRIMARIO DELL'ITALIA CORRERE ESSA IN SOCCORSO DI SIRTE. Uno stratega CON LE PALLE che fosse stato a capo del GOVERNO in Italia, in nome dei principi umanitari e della solidarietà e dei RILEVANTISSIMI INTERESSI IN BALLO, di fronte all'ostacolo CHE PURE ABBIAMO POSTONOIPERNONSUBIREILTERRORISMO, "..solo su richiesta..." prendendo esempio da CAVOUR potevamoSOLLECITARLA riserbo e discrezio

    Report

    Rispondi

  • solitario48

    03 Agosto 2016 - 09:09

    Dal 2 agosto sento che l'Italia ha INTERESSE PRIMARIO sulla LIBIA per MOTIVI ECONOMICI e STRATEGICI e che la francia di sarkozy FECEGUERRAA GHEDDAFI PERCHE' BERLUSCONI ERA RIUSCITO A FARSELO AMICO E PARTNER ECONOMICO DI GRANDE RILEVANZA, MA poi non ebbe il coraggio di schierarsi al suo fianco contro FRANCIAINGHILTERRAUSA. GRAZIE EX PRESIDENTE NAPOLITANO, SIETE VOI IL GRANDE VECCHIOCHEMANOVRAIFILI

    Report

    Rispondi

  • gigi primo

    02 Agosto 2016 - 06:06

    Il premio nobel per la pace lascia un ricordo!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog