Cerca

L'indagine a Bologna

Quei soldi (sporchi) del figlio in Italia. Vergogna-Erdogan: la sua minaccia

Erdogan

Al presidente della Turchia, Recep Erdogan, non ha fatto per niente piacere che la procura di Bologna si fosse messa a indagare su suo figlio Bilal, che in Italia ha trascorso qualche anno apparentemente molto intenso. Erdogan padre si è esplicitamente lamentato durante l'intervista a Rainews, borbottando che i magistrati italiani dovrebbero occuparsi dei guai che il Paese ha con la mafia, anziché badare ai presunti traffici che sarebbe venuto a fare in Italia.

Bilal, come ricorda il Fatto quotidiano, non è nuovo alle attenzioni dei magistrati. Già in patria due anni fa, era stato indagato con altri figli di ministri per corruzione. A dicembre 2013 molti di loro sono finiti in carcere, ma per Bilal tutto è filato liscio. I pm che indagavano su di lui erano stati trasferiti, poi fuggiti all'estero quando hanno saputo che di lì a poco sarebbero stati arrestati. Su di lui c'era una telefonata a dir poco compromettente, pubblicata su Twitter dalla gola profonda Fuat Avni.

La mattina del 17 dicembre 2013, Erdogan senior aveva chiamato il figlio avvertendolo di un'imminente retata. Quella telefonata è ricomparsa in un esposto proprio alla Procura di Bologna fatto da Murat Uzan, imprenditore fuggito in Francia per scampare alla "persecuzione di cui sono stato oggetto da parte di Erdogan" aveva detto. Al telefono Recep ordinava al figlio di far sparire una certa quantità di denaro e il sospetto dei magistrati è che quei soldi siano finiti proprio in Italia, dove Bilal viveva grazie a un permesso di soggiorno di sei mesi ottenuto per completare il master alla Johns Hopkins University di Bologna.

Non è difficile immaginare per quale motivo il sultano Erdogan non abbia gradito l'insolenza della giustizia italiana. In un passaggio della conversazione telefonica, Recep aveva detto al figlio: "Questa mattina hanno condotto un'operazione... sto dicendo che qualunque cosa tu abbia, lo porti via, ok?". La risposta di Bilal rasenta il comico: "Che cosa dovrei avere, padre? I tuoi soldi sono nella cassaforte". Il padre per poco non perdeva la pazienza: "È proprio quello di cui sto parlando. Manderò tua sorella (Sumeyye Erdogan). Ok?". Bilal poi era riuscito a superarsi, continuando a parlare liberamente: "Padre, siamo venuti assieme ad Hasan etc. Lui può occuparsene nello stesso modo in cui fece con gli altri soldi".

Anche sulla base di questo scambio di battute surreali, i pm di Bologna stanno indagando su Bilal Erdogna per riciclaggio di denaro, ottenendo anche una proroga delle indagini dal Gip dallo scorso luglio. Da giugno scorso, però, il rampollo è scappato da Bologna per "motivi di sicurezza". Non ha ancora completato il suo master, ma se dovesse tornare in Italia non è escluso che ad accoglierlo in aeroporto possano esserci i carabinieri a fargli da scorta, per portarlo in cella però e non in hotel.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasquineddu

    04 Agosto 2016 - 10:10

    se e vera la massima che i suoi nemici sono anche i miei, mi trovo ad essere suo alleato obtorto collo! karo Erdo_Khan eccoti un altro consiglio: devi dire al fanciullo che prenda la tessera del partito dei pdotti, e versare un generoso contributo, lo stesso in qualche fondazione collegata alla magis-trattura italika, vedrai,per i prossimi 30 anni sei a posto. Deluso assai per il tuo ripensamento!

    Report

    Rispondi

  • nick2

    04 Agosto 2016 - 09:09

    Fermi, fermi, fermi! Contrordine. Erdogan e il vostro statista del KGB si vogliono alleare contro l’imperialismo dell’abbronzato. Questo cambia tutto: quelli che erano amici sono diventati nemici e quelli che erano nemici sono diventati amici. Morte all’imperialismo USA, Morte all’Unione Europea, Morte ai diritti dell’uomo, W Putin, W Erdogan, W la Cina e W il fantastico mondo dei Banana!

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    03 Agosto 2016 - 20:08

    fa da garante in italia il suo testimone di nozze.

    Report

    Rispondi

  • afadri

    03 Agosto 2016 - 18:06

    .... suo figlio ?, sicuramente un BASTARDO come lui.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog