Cerca

Terrorismo

Pioggia di bombe, attentati a raffica. Nell'attacco feriti pure due italiani

Pioggia di bombe, attentati a raffica. Nell'attacco feriti pure due italiani

Ci sono due italiani tra i 22 feriti nella raffica di attacchi che ha colpito località costiere della Thailandia. Lo ha confermato la Farnesina. Una doppia esplosione è avvenuta in un resort turistico a Hua Hin, a sud di Bangkok, mentre altre cinque esplosioni si sono verificate in altre tre località, secondo quanto riferito dalla Bbc: due a Surat Thani, dove è rimasta uccisa una persona, due nella nota località di Pukhet, dove al momento è incerto il numero dei feriti, una a Trang, dove è morta una persona. Si ha anche notizia di un’altro ordigno disinnescato.

Secondo quanto si è appreso i due italiani feriti sono Lorenzo Minuti, 21 anni, e Andrea Tazzioli, 51 anni. Il primo è stato portato al pronto soccorso ed è stato dimesso già in serata. Il secondo è stato operato d’urgenza a causa di una scheggia che lo ha colpito alla schiena ma non sarebbe in condizioni preoccupanti.

Nelle due esplosioni a Hua Hin, 150 chilometri a sud di Bangkok, era morta una donna thailandese. Tra i feriti stranieri, oltre ai due italiani, ci sono quattro tedeschi, tre olandesi, e un austriaco. Le altre esplosioni si sono verificate a Surat Thani (circa 600 chilometri a sud di Bangkok), mentre, secondo quanto comunicato dall’unità di crisi della Farnesina, deflagrazioni minori si sono verificate a Pukhet e Phang-nga. Le autorità locali hanno elevato il livello di allerta per le forze di sicurezza, invitando a evitare
assembramenti nei luoghi affollati, cerimonie pubbliche, e limitare gli spostamenti non necessari. Nessun problema per strade, trasporti e aeroporti.

Un portavoce della polizia ha legato la serie di attentati coordinati alle azioni dei movimenti separatisti che operano generalmente nelle regioni del sud del Paese, a maggioranza musulmana. "Le bombe, detonate a distanza con un cellulare, sono dello stesso tipo di quelle di solito utilizzate dai ribelli nel sud", ha assicurato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • buonavolonta

    12 Agosto 2016 - 12:12

    andiamo la e ci fanno saltare vengono qui e ci fanno saltare ..signori politici questa gente prima o poi fara saltare l'europa ....

    Report

    Rispondi

  • lupoclauss

    12 Agosto 2016 - 09:09

    C'è ancora qualcumo che si meraviglia (o finge)? E il loro "stile di vita " che vogliono esportare qui in occidente con la complicità dei traditori infiltrati in parlamento (e nel governo ).

    Report

    Rispondi

  • burago426

    12 Agosto 2016 - 08:08

    da quando hanno imparato a fare bombe si sono appassionati a far saltare la gente come la gente è appassionata a vedere i fuochi artificiali. La scusa è la religione. Dai un fucile a questa gente ed il giorno dopo non vedono l'ora di scaricare il caricatore su qualcuno. Sono nati con questa passione. Penso che la religione sia una scusa per giustificare il tutto.

    Report

    Rispondi

blog