Cerca

Colorado

Trans a 6 anni, le vietano il bagno a scuola

La famiglia fa causa all'Istituto che impedisce alla piccola Coy di usare i servizi igienici riservati alle bambine

Coy Marhis

Coy Marhis

Si chiama Coy Marhis, è un bambino transgender di sei anni ed è già vittima di discriminazioni sessuali. A scuola, infatti, gli viene impedito di usare il bagno delle femminucce: se ha bisogno deve andare in quello dei maschietti o in infermeria.  "La scuola deve tener conto anche degli altri bambini, dei loro genitori e del futuro impatto che un ragazzo con i genitali maschili che utilizza il bagno delle ragazze potrebbe avere", si sono giustificati i dirigenti dell'Istituto in Colorado. Giustificazioni che non hanno convinto la famiglia di Coy che ha infatto sporto denuncia contro la scuola elementare. "Lo sviluppo futuro del corpo di Coy riguarda solo mia figlia e i medici che semmai la opereranno. Temo che verrà discriminata in una fase cruciale del suo sviluppo", ha dichiarato, intervistata dalla Cnn, la mamma di Coy ricordando che il figlio era già "transgender dall'età di 18 mesi". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pierfabro

    04 Marzo 2013 - 10:10

    sono curioso di sapere come la madre si è accorta che suo figli di 18 mesi è un transgender.

    Report

    Rispondi

  • KING KONG

    01 Marzo 2013 - 18:06

    ciò non toglie che qui in Italia le cose non potrebbero andare meglio...basti leggere il commento di tal luchino, ha già trovato colpevoli

    Report

    Rispondi

  • LuchinodiZaz

    01 Marzo 2013 - 17:05

    Il bambino era già trans all'età di 18 mesi?XOMa siam pazzi..Ma di chi è figlio?Di Malgioglio e Luxuira?E' di Frocioville?Come fa un bambino di poco più di un anno ad essere già un convinto esponente del cosiddetto "terzo sesso"?E la madre,poi,sembra quasi aver favorito l'insorgere dell patologia nel figlio..Vergogna!Rovinare la vita di un bambino di quell'età..Tanto di cappello ai docenti,invece,che hanno cercato di preservare l'innocenza ed il candore dei giovani virgulti a loro discpito,beccandosi financo una denuncia e vennendo sicuramente marchiati a vita cm !omofobi"!

    Report

    Rispondi

blog