Cerca

Il patto è realtà

Putin, la mossa che cambia la storia: bombardieri russi decollano dall'Iran per colpire l'Isis

Putin, la mossa che cambia la storia: bombardieri russi decollano dall'Iran per colpire l'Isis

Caccia russi sono decollati da una base aerea in Iran per condurre raid contro i militanti dell'Isis ad Aleppo, in Siria. Lo ha annunciato il ministero della Difesa di Mosca, citato dall'agenzia di stampa Tass, che sottolinea come si tratti della prima volta che aerei russi usano basi in Iran. "Bombardieri a lungo raggio Tu-22M3 e caccia Su-34 sono decollati carichi di bombe da una base
della provincia di Hamadan (nella parte occidentale del Paese, ndr) e hanno condotto attacchi coordinati contro obiettivi dei gruppi
terroristici dell'Is e del Fronte al-Nusra nelle province di Aleppo, Deir ez-Zor e Idlib", ha reso noto il ministero della Difesa russo.


Cooperazione militare - Mentre non è stato rivelato il numero di aerei decollati dalla base di Hamadan, a copertura dei quali si sono levati in volo dalla base russa di Khmeimim, in Siria, jet Su-30 e Su-35, il ministero russo ha riferito che nei raid sono stati eliminati cinque depositi di armi appartenenti ai terroristi e compound per l'addestramento, oltre a tre postazioni di comando e a numerosi militanti. Finora, i caccia russi impegnati nei raid in Siria sono decollati dalla base di Mozdok, in Russia, coprendo una distanza di circa 2.000 chilometri, distanza che si è ridotta a 700 chilometri con le partenze dall'Iran. Mosca e Teheran avevano firmato nel gennaio scorso un accordo per la cooperazione militare che prevede una più ampia collaborazione nell'addestramento del personale e nelle attività di contrasto al terrorismo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nick2

    17 Agosto 2016 - 09:09

    Poveri banana, la vostra ingenuità, la vostra visione fanciullesca della realtà, il vostro bisogno di adorare un uomo forte e antidemocratico mettono quasi tenerezza... e molta tristezza.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    17 Agosto 2016 - 08:08

    E intanto l'europetta merkelliana dorme sogni tranquilli, tutta presa dalla jihad, condotta da 4 deficienti disorganizzati che anche Topolino sarebbe stato in grado di fermare, e il totem del 3%. L'europetta impone sanzioni alla Russia, danneggiando l'economia di svariati paesi, tra cui l'Italia, mentre Putin se la ride e avanza in medio oriente. Siamo in mano a dei pirla....

    Report

    Rispondi

  • cane sciolto

    17 Agosto 2016 - 00:12

    Questi sono andati sempre con le favole che nemmeno più si raccontano nella notte di Natale, che i Russi si mangiavano i bambini! invece alcuni politici raccontano oggi nel 2016 che i Clandestini io li chiamo con il vero nome! loro li chiamano migranti che scappano dalle guerre, Bugiardi, in Tunisia, Marocco, Algeria, Egitto, Costa d'Avorio ecc. dove è guerra? per fortuna che c'è PUTIN se no pover

    Report

    Rispondi

  • chimangio

    16 Agosto 2016 - 22:10

    Credo dovremmo offrire a Putin qualche base aerea e navale prima che sia troppo tardi e gliele offrano gli altri. E facciamola finita con questa pseudo europa germanocentrica che ci sta portando alla distruzione. E vista la politica di sganciamento degli USA.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog