Cerca

Donne nell'islam

Giornaliste tv troppo grasse: l'Egitto le sospende

Giornaliste tv troppo grasse: l'Egitto le sospende

Altro che licenziare il direttore che sul suo giornale ha avallato in un titolo il termine "cicciotelle". In Egitto, e presumibilmente in tutti i Paesi islamici) le cose vanno un po' diversamente: lì, a essere licenziate sono le cicciottelle. Accade infatti che otto conduttrici giudicate "grasse" siano state sospese dalla tv del Cairo. Alle presentatrici è stato dato un mese di tempo per raggiungere il peso forma e poter tornare sullo schermo. La polemica è arrivata fino in Parlamento, dove si è discusso quale debba essere il peso ideale per una donna egiziana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kufu

    18 Agosto 2016 - 14:02

    La foto è di quella jena che si scagliò con l'Italia per il caso Regeni. Fareste bene a postare alche le foto delle altre, che Albertone non avrebbe esitato a definirle buzzicone!!!! I TG le hanno fatte vedere e la cosa più ridicola non tanto il loro pero quanto l'aria fa fatine, sembrano dei travestiti. Capisco la loro direttrice

    Report

    Rispondi

  • kufu

    18 Agosto 2016 - 14:02

    La foto è di quella jena che si scagliò con l'Italia per il caso Regeni. Fareste bene a postare alche le foto delle altre, che Albertone non avrebbe esitato a definirle buzzicone!!!! I TG le hanno fatte vedere e la cosa più ridicola non tanto il loro pero quanto l'aria fa fatine, sembrano dei travestiti. Capisco la loro direttrice

    Report

    Rispondi

  • nick2

    18 Agosto 2016 - 12:12

    Non credo che la notizia sia vera, (a meno che si tratti di super obese) perché nei paesi arabi sono più apprezzate le donne robuste. Lo sanno tutti, tranne l'anonimo scribacchino di Libero. Comunque, in Italia le conduttrici “cicciottelle” nemmeno vengono assunte…

    Report

    Rispondi

  • kufu

    18 Agosto 2016 - 12:12

    Egitto e Turchia, grandi esempi di sdemocrazia. Comunque all'indomani di quel titolo Libero criticò il direttore

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog