Cerca

Scontro di civiltà

Gli islamici censurano la Nutella, il vergognoso schiaffo al mito italiano

8
Gli islamici censurano la Nutella, il vergognoso schiaffo al mito italiano

Stop ai “Nutella bar” di Teheran. O, almeno, basta chiamare così la crema alle nocciole e cioccolato di origine piemontese. Il divieto, promulgato dall’Accadamia Persiana per la Lingua e la Letteratura, ente simile alla nostra Crusca, riguarda infatti l’utilizzo del nome da parte di decine di chioschi e negozi che ultimamente hanno invaso la capitale persiana. 

In Iran sarebbe vietato l’utilizzo di nomi e parole straniere all’interno delle insegne, anche se le decine di negozi non ufficiali di marche occidentali come Levi’s, Apple e Ikea non sono mai state oggetto di lamentele da parte delle autorità. "Sfortunatamente, questi Nutella bar si sono diffusi in tutta Teheran - ha scritto Golamali Hadad Adel, a capo dell’Accademia, in una lettera alla polizia -. In questi locali, il cioccolato viene servito su uno speciale tipo di pane insieme a del gelato. L’Accademia propone quindi l’utilizzo del nome “Hot bread, hot chocolate” (Pane caldo, cioccolato caldo) per questo tipo di negozi".  

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wall

    22 Agosto 2016 - 12:12

    Queste tribù usano le mani per mangiare,per andare al bagno,per soffiarsi il naso e mangiano sul pavimento. Lasciassero tranquillamente la "nutella" al suo posto e si adeguassero alla civiltà della dolcezza e non delle loro guerre e loro modalità desertica di sabbie e solo sabbie!

    Report

    Rispondi

  • er sola

    20 Agosto 2016 - 21:09

    Forse pensavano fosse merda visto che loro la mangiano.

    Report

    Rispondi

  • blu_ing

    20 Agosto 2016 - 20:08

    a casa loro ste bestie non vogliono essere rotte i coglioni, e noi abbiamo dei coglioni che ci governano pronti ad accogliergli affangala, prima o poi qua qualcosa si arma e comincia ad ammazzare!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media