Cerca

Arriva la rivoluzione

Auto a diesel e a benzina vietate
Così stravolgono la nostra vita

Auto a diesel e a benzina vietateCosì stravolgono la nostra vita

Rivoluzione per gli automobilisti. Per ora Norvegia e Olanda, ma è un primo passo. I Paesi Bassi si apprestano a compiere il prossimo step verso un futuro senza auto a benzina e diesel. Il 13 ottobre il Parlamento tornerà a discutere la proposta di vietare dal 2025 la vendita di nuovi veicoli con motore a combustione.

Già ad aprile la Camera bassa aveva approvato una mozione in questo senso, che necessita del sì del Senato per diventare legge. Ad avanzarla è stato il PvdA, il partito socialdemocratico che siede nella coalizione di governo. Secondo la proposta, smussata rispetto alla bozza iniziale, che prospettava un divieto assoluto, tra nove anni dovrebbe essere messa al bando solo la vendita di nuovi veicoli a benzina e diesel; chi ne possiede già uno potrà continuare a circolare.  

 Anche così, tuttavia, la mossa assume un forte significato simbolico, tanto più che i Paesi bassi non sono gli unici a voler dire addio alle auto a benzina e diesel. In India, ad esempio, il governo vorrebbe veder circolare solo veicoli elettrici entro il 2030. In Norvegia, un Paese che già oggi è all’avanguardia sul fronte della mobilità pulita, grazie a un generoso sistema di sgravi fiscali a favore delle auto elettriche, l’esecutivo starebbe discutendo un piano per proibire dal 2025 l’immatricolazione di nuovi veicoli a benzina e diesel. La notizia è stata sì smentita dal ministero dei Trasporti, secondo cui Oslo non progetta una messa al bando, ma vuole usare la carota piuttosto che il bastone per spingere le persone ad acquistare veicoli poco inquinanti, ma è bastata a suscitare polemiche altrove.  

 In Germania il presidente dell’associazione dell’industria automobilistica, Matthias Wissmann, le ha definite "misure drastiche che non hanno nulla a che fare con l’approccio dell’economia di mercato e spianano la strada a un’economia pianificata ecologica".

Uno stato che ti obbliga a non comprare automobili a gasolio o benzina potrebbe essere un precedente anche per altri stati Europei. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wall

    22 Agosto 2016 - 09:09

    Giusto i Paesi Bassi che di intelligente hanno solo la sola delle scarpe!! Ma le centrali nucleari che si trovano dentro casa loro..che dicono!!!!!

    Report

    Rispondi

  • garlev

    22 Agosto 2016 - 08:08

    come ho commentato in precedenza ribadisco che bisogna cambiare radicalmente le regole intorno alla produzione di energia perchè sta cosa nn può produrre altro che situazioni positive, una delle qual ( e forse la piu importante ) è quella di togliere il potere a quei paesi produttori dove pur essendo nullafacenti si sono creati imperi grazie all'oro nero con la gestione dei ricavi

    Report

    Rispondi

  • garlev

    22 Agosto 2016 - 08:08

    come ho

    Report

    Rispondi

  • orione1950

    orione1950

    22 Agosto 2016 - 08:08

    Le lobbies che stanno dietro al PENSIERO VERDE, costruttori di pannelli solari, di pale eoliche e di batterie elettriche, condizionano il mercato. L'ENERGIA ELETTRICA CHE PAGATE IN BOLLETTA E' COMPRENSIVA DEL COSTO DELLE CENTRALI DI ENERGIA RINNOVABILE quindi paghiamo tutti un qualcosa che attualmente é in perdita. Un'altra tassa voluta dalla sinistra.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog