Cerca

Bomba turca

Il ricatto di Erdogan a Obama: "Dacci Gulen o i tuoi ordigni nucleari..."

Il ricatto di Erdogan a Obama: "Dacci Gulen o i tuoi ordigni nucleari..."

Mentre l' alleanza Usa-Turchia è messa a dura prova, si susseguono voci contrastanti sul destino delle 90 bombe nucleari americane conservate, in ambito NATO, nella base turca di Incirlik, quella stessa che potrebbe essere concessa da Ankara all' aviazione russa per attacchi contro l' Isis, seguendo l' esempio iraniano. Negli ultimi giorni, indiscrezioni degli istituti di ricerca EurActiv e Stimson Center hanno insinuato la volontà americana di evacuare gli ordigni e trasferirli in Romania, nella base di Deveselu.

Dal Pentagono «no comment», mentre la prestigiosa rivista Foreign Affairs s' è scomodata per fugare le voci. Ma è un fatto che a Washington si tema che Ankara s' avvicini troppo a Mosca, tanto che il giornalista turco Ibrahim Karagul, del giornale Yeni Safak, ha esortato Erdogan ad appropriarsi delle atomiche americane: «Le testate nucleari di Incirlik dovremmo prendercele con le nostre mani». Voci o no, plausibile è il timore che gli ordigni di Incirlik, del tipo B61 sganciabili da aerei e con potenza massima di 340 kilotoni (30 volte Hiroshima) possano essere sequestrati dai turchi o, peggio, finire nel calderone orientale, tanto più che l' aeroporto è a soli 100 km dal confine siriano. Washington forse pensa davvero di portarsi via le bombe, se la fedeltà di Ankara vacilla.

Anche perché russi e turchi si stanno "abboccando" sull' uso di Incirlik da parte dei bombardieri russi diretti in Siria.
Prima due senatori della Duma russa, Igor Morozov e Viktor Ozerov, hanno iniziato a chiedere la base. Poi, lo stesso primo ministro turco Binali Yildirim s' è detto favorevole all' ipotesi.

Sarebbe inedito che da una base NATO si alzassero bombardieri russi per incursioni di guerra. Roba da far veramente crollare il fronte Sudest dell' alleanza atlantica, di cui la Turchia era sempre stata un pilastro. Perciò non è un caso che oggi sia attesa ad Ankara una delegazione del Dipartimento della Giustizia di Washington per trattare l' estradizione dell' imam Fethullah Gulen, di cui Erdogan chiede la testa. Finora gli americani non volevano consegnarlo, ma ora, fiutato il pericolo di perdere i turchi, corrono ai ripari blandendo il "sultano".

di Mirko Molteni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianni modena

    23 Agosto 2016 - 10:10

    meglio lasciar perdere questo falso e ricattaore che pensa a nominarsi sultano . e' solo uno stronzo ricattatore quindi assolutamente inaffidabile . solo la merkel gli crede .

    Report

    Rispondi

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    23 Agosto 2016 - 09:09

    hanno già sbagliato 2 volte, prima con sadam e poi con ghedafi, adesso questo si è salvato perchè ha annusato il complotto prima, me se cadesse cosa sarebbe dell'europa, un formicaio di turchi che ci invadono a piedi con 100 testate nucleari pronte all'uso, che figata.

    Report

    Rispondi

  • nick2

    23 Agosto 2016 - 09:09

    Ricordo ai banana che la Turchia è alleata fondamentale della NATO e che da sempre ospita il maggior numero di ordigni nucleari americani in Europa. Obama non c’entra un cazzo, ma voi, si sa, siete dei poveracci radiocomandati…

    Report

    Rispondi

  • arwen

    23 Agosto 2016 - 09:09

    Se le può ficcare allegramente tutte nel c..o, una per una...ma per favore. L'urlo del topo!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog