Cerca

Affari reali

Una corte a Kensington Palace: così William e Kate sfidano la regina e Carlo

Una corte a Kensington Palace: così William e Kate sfidano la regina e Carlo

Era stato la "progione" di Lady Diana, il palazzo in cui aveva vissuto tra il 1981 e il 1997. E dalla morte della principessa triste si era portato dietro quella nomea. Ma ora, Kensington Palace potrebbe tornare a essere il cuore pulsante della vita di corte londinese. Merito di William e Kate, che dopo il loro matrimonio vi si sono trasferiti abitando quello che era stato l'appartamento della principessa Margaret, sorella della regina. E ora, scrive il quotidiano "La Repubblica", anche la principessa Eugenie di York, secondogenita di Andrea e Sarah, nipote della regina Elisabetta e ottava nella linea di successione al trono, sarebbe intenzionata a trasferirsi lì.

In più, nella residenza vivono già tre cugini di Elisabetta II: il principe Michael di Kent, il duca di Kent, il duca di Gloucester: tutti e tre con le rispettive consorti. E il fatto che le indiscrezioni vogliono Eugenie decisa a occupare l' Ivy Cottage, a due passi da casa di William e Kate, convince i royal watcher a celebrare la nascita di un nuovo centro di potere, attorno ai giovani di casa Windsor, che avranno un ruolo fondamentale quando sul trono siederà Carlo. «Cercano di sminuire tutto, lo chiamano semplicemente "la nostra base a Londra", per non farlo apparire una corte. Ma è sicuramente il centro delle operazioni per loro », ha rivelato una fonte segretissima al Daily Mail.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Anna 17

    Anna 17

    23 Agosto 2016 - 10:10

    Elisabetta, buona regina ed ottima conoscitrice dei suoi figli, non lascerà mai il trono a favore di un piccolo demente che parla con le piante, la cui cervice da segni inconfondibili di stupidità acuta. Probabilmente aspetterà fino alla fine per saltarlo ed incoronare il nipote, già pronto per fare il re. Basta aspettare.Tanto per quei compiti reali qualunque persona normale è più che sufficiente

    Report

    Rispondi

blog