Cerca

Tragico Iraq

Baby kamikaze fermato, la follia jihadista: cos'hanno fatto padre e fratello

Baby kamikaze fermato, la follia jihadista: cos'hanno fatto padre e fratello

La follia jihadista senza limiti: era un kamikaze anche il fratello del 15enne fermato domenica sera a Kirkuk in Iraq prima che si facesse esplodere. È morto in azione suicida un'ora prima che arrestassero il ragazzino, provocando 2 feriti in una moschea sciita. Il particolare ancora più allucinante è che, stando a quanto confessato dal 15enne sotto choc, i due fratelli erano stati "addestrati e incoraggiati dal padre a compiere azioni suicide". Il ragazzino fermato dai militari iracheni avrebbe dovuto farsi esplodere sulla via Husseinya nel quartiere di Tesin e avrebbe raccontato agli inquirenti di essere stato "rapito, sedato e costretto" a farsi saltare in aria dall'Isis, senza coinvolgere il padre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bozzicolonna

    23 Agosto 2016 - 16:04

    ee diavolo.. cosi' ha risolto il problema di dare da mangiare alla famiglia e magari si è anche fatto pagare dall'isis.

    Report

    Rispondi