Cerca

L'Isis vieta il burqa: troppi comandanti uccisi da donne velate

L'Isis vieta il burqa: troppi comandanti uccisi da donne velate

Chi di burqa ferisce, di burqa perisce. E' una vera e propria nemesi, quella che, secondo il Mail On Line, sta conoscendo l'Isis a casa sua. Infatti, lo stato islamico avrebbe messo fuori legge l'abito che copre interamente le donne da capo a piedi, dopo averlo reso praticamente obbligatorio. Il divieto è invece entrato in vigore nelle zone militari e nei centri di sicurezza di Mosul, la principale roccaforte di Al Baghdadi in Iraq. Lì le donne non possono entrare a viso coperto. Motivo? Diversi comandanti militari sono stati uccisi da donne velate che avevano approfittato proprio del travisamento per superare i controlli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • attualità

    07 Settembre 2016 - 08:08

    Le rapine si fanno col viso coperto !

    Report

    Rispondi

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    06 Settembre 2016 - 15:03

    ma che le obblighino all'uso del perizoma integrale, tanto fa caldo da quelle parti, non si ammalano di sicuro per i freddo, e poi sono così indotrinate le femmine mussulmane che sicuramente se fosse imposto loro per legge coranica l'uso del perizoma in qualsiasi ambiente lo farebbero, ed il nuovo abbigliamento surclasserebbe il vecchio burca da subito. sarebbe meglio per tutti anche per le donne.

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    06 Settembre 2016 - 13:01

    ma come ci avevano raccontato che il burqa era stato comandato dal profeta, ora cambia tutto ????

    Report

    Rispondi

blog