Cerca

Lo scandalo

Indossa il velo islamico: donna incinta aggredita e picchiata per strada

Indossa il velo islamico: donna incinta aggredita e picchiata per strada

Due esponenti di estrema destra sono stati arrestati con l'accusa di aver aggredito una donna incinta solamente perché indossava il niqab, un tipo di velo islamico che copre l'intero corpo lasciando solo scoperti gli occhi. 

La donna, in attesa di otto mesi, stava passeggiando per le vie di Barcellona insieme col marito quando due giovani hanno cominciato a insultarla a causa del suo abbigliamento. Il marito, intervenuto per difendere la moglie, è stato aggredito dalla coppia. A questo punto la donna ha cercato di difendere il coniuge ma è stata colpita da un calcio sullo stomaco. Immediatamente è stata portata in ospedale per i dovuti accertamenti che fortunatamente non hanno riscontrato lesioni per il feto.

I due aggressori sono stati individuati ed arrestati dalla polizia con le accuse di crimine d'odio, discriminazione e lesioni personali. Secondo la polizia i due aggressori appartengono alla tifoseria organizzata della squadra di calcio dell' Espanyol. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bozzicolonna

    09 Settembre 2016 - 14:02

    I coglioni esistono dappertutto

    Report

    Rispondi

  • etano

    09 Settembre 2016 - 07:07

    Gli islamici possono liberamente violentare, torturare, squartare e ammazzare donne e uomini occidentali in nome del pedofilo allah senza essere minimamente puniti ma se avviene che un occidentale dia una lezione a degli islamici senza peraltro, come descrive l'articolo, causare alcun danno fisico allora viene catturato immediatamente e condannato. Questa è l'Europa dei compagni Italia inclusa!

    Report

    Rispondi

blog