Cerca

Inchiesta

I sostenitori della Clinton indagano su Trump: l'ultimo scandalo, le tangenti fatte ai politici

I sostenitori della Clinton indagano su Trump: l'ultimo scandalo, le tangenti fatte ai politici

Donald Trump sotto inchiesta e sotto torchio. Alla vigilia delle presidenziali statunitensi, il candidato repubblicano si trova a dover fronteggiare una nuova, spinosa indagine che coinvolge la sua fondazione filantropica, la Donald J. Trump Foundation, il procuratore di New York Eric Schneiderman, e una donazione sospetta di 25mila dollari.

Il tycoon newyorkese è stato accusato dal filo-clintoniano Schneiderman di aver fatto una donazione che, più che tale, avrebbe tutta l'aria di una bella tangente. La cifra in questione, oltre 25mila dollari, sarebbe stata devoluta nel 2013 in favore di Pam Bondi, procuratore della Florida. Lo stesso Pam Bondi che stava per aprire un'inchiesta per frode contro la Trump University: dopo il gesto generoso di The Donald, Bondi lasciò perdere l'indagine, dicendo che la decisione non aveva nulla a che fare coi soldi di Trump. Che però si trovò a dover pagare una multa di 2.500 dollari per aver fatto una donazione politica (la carica di procuratore è elettiva) attraverso un'attività filantropica.

"Questa indagine non è altro che una mossa politica della sinistra per distogliere l’attenzione dalla terribile settimana della corrotta Hillary Clinton" hanno replicato dallo staff del candidato GOP, che ha definito Schneiderman "una nullità".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    15 Settembre 2016 - 18:06

    Indagine su Trump da parte del Procuratore Eric Schneiderman, ben noto come fervente pro-Hillay. La giustizia ad orologeria: in Italia ne abbiamo avuto e ne abbiamo esempi continui. USA, solo un mito di Paese democratico, bensì molto "Dem".

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    15 Settembre 2016 - 18:06

    Indagine su Trump da parte del Procuratore Eric Schneiderman, ben noto come fervente pro-Hillay. La giustizia ad orologeria: in Italia ne abbiamo avuto e ne abbiamo esempi continui. USA, solo un mito di Paese democratico, bensì molto "Dem".

    Report

    Rispondi

  • patriziabellini

    15 Settembre 2016 - 15:03

    La stessa cosa che hanno fatto con Berlusconi. In ogni angolo del Pianeta la sinistra più o meno moderata usa le stesse armi quando non può vincere democraticamente. Ho impiegato 50 anni per capire quanto sia ambiguo il sistema americano.

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    15 Settembre 2016 - 10:10

    ....certo è che i magistrati americani devono correre per raggiungerci!...siamo avanti di ben 22 anni!!..è.difficile imparare quell'Arte fatta tutta in punta di articoli giornalistici e di C.C.e C.P.!!!...siamo unici e invidiati!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog