Cerca

Matrice islamica

Bombe a New York, catturato l'afghano: l'islamico ferito dopo uno scontro a fuoco

Bombe a New York, catturato l'afghano: l'islamico ferito dopo uno scontro a fuoco

E' stato catturato Ahmad Khan Rahani, l'afghano ventottenne naturalizzato statunitense accusato di essere la mente dietro le bombe di New York. Dopo uno scontro a fuoco con le forze dell'ordine, Rahani è stato fermato a Linden, nel New Jersey.

L'afghano era armato e in fuga, e la polizia lo stava cercando già dalla sua identificazione nei filmati di sicurezza del luogo dell'esplosione, nella zona di Chelsea, a Manhattan, dove l'uomo, stando alle accuse, avrebbe piazzato gli ordigni. L'ultimo indirizzo noto di Rahani era l'edificio di Elizabeth, nel New Jersey, dove i poliziotti hanno oggi fatto irruzione. E ora gli inquirenti stanno tentando di capire se il giovane possa essere stato influenzato da gruppi terroristici internazionali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • walter.capone-alex

    20 Settembre 2016 - 15:03

    E poi ci meravigliamo che Trump possa diventare presidente degli usa!! La gente è stanca! Mi ricordo le stesse cose quando fu eletto Reagan, sopratutto dalla ns. stampa!!! Poi, guarda caso, il primo effetto a pochi giorni dal suo insediamento, fu che gli iraniani liberarono gli ostaggi dell'ambasciata che detenevano da piu di un anno!!!

    Report

    Rispondi

  • walter.capone-alex

    20 Settembre 2016 - 15:03

    Se confermato, ergastolo a lui e biglietto di sola andata per tutta la sua famiglia per kabul!! Giusto per essere civili! Se questi escrementi umani dopo che sono stati accolti e sistemati in un paese civile fanno o pensano certe cose vanno eliminati subito senza se e senza ma! E se il solito giudice fa il liberista, ciao ciao anche a lui, che vada in quei pesi a parlare e interpretare le leggi di

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    20 Settembre 2016 - 13:01

    Il sindaco americano e la Clinton non avevano detto che il gesto non si poteva chiamare terroristico?Il guaio è che certi politici non hanno il coraggio di chiamare le cose con il proprio nome.

    Report

    Rispondi

blog