Cerca

Trucidato davanti al Tribunale

Giordania, ammazzato lo scrittore anti-Isis: colpa di questa vignetta sull'Islam

Giordania, ammazzato lo scrittore anti-Isis: colpa di questa vignetta sull'Islam

Lo scrittore e giornalista giordano Nahed Hattar è stato assassinato in pieno centro ad Amman, davanti a un tribunale. Grande esperto di Medio Oriente, cristiano, Hattar ha ricevuto tre colpi di arma da fuoco: era al Palazzo di Giustizia per il processo in cui doveva rispondere della pubblicazione di una vignetta considerata blasfema. Secondo fonti della sicurezza citate dall'agenzia ufficiale Petra, la polizia ha arrestato l'aggressore, del quale non è stata ancora resa nota l'identità.

Hattar e l'Isis - Cinquantacinquenne, grande sostenitore del presidente siriano, Bashar al Assad, che considerava un baluardo contro il dilagare dell'Islam fondamentalista, Hattar era stato arrestato lo scorso agosto e aveva trascorso un mese in prigione, fino all'8 settembre, quando era stato liberato su cauzione.

Il Califfo e Dio - La vignetta incriminata aveva scatenato le adirate reazioni dei social network: si vede il Califfo Al Baghdadi a letto con due donne che ordina a Dio, che si affaccia da una tenda al lato della stanza, di portargli un aperitivo. E poi aggiunge: "La prossima volta però metti una porta così bussi prima di entrare". Dinanzi alla bufera suscitata dalla vignetta, le autorità giordane avevano deciso di portarlo in tribunale: Hattar in un primo momento si era nascosto, ma poi si era consegnato. Al giudice aveva spiegato che la vignetta rifletteva solo "il comportamento dei terroristi". Persino il suo avvocato aveva rifiutato di difenderlo, mentre l'organismo ufficiale giordano incaricato di emettere editti religiosi aveva condannato la caricatura affermando che "il disegno sacrilego della Potenza Divina aumenterà solo l'odio e seminerà la discordia nel Paese".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lupoclauss

    25 Settembre 2016 - 21:09

    Questi selvaggi difesi dal vicario di satana in vaticano. Cosa aspettiamo a rimandarli tutti nei loro luoghi di origine ? Potranno mai fermare la volontà popolare un governo che bada solo alle poltrone, un parlamento illegittimo con infiltrati e venduti, funzionari e cosiddette cariche dello stato che (a spese degli Italiani ) fanno vita da nababbi e hanno tradito il mandato ricevuto e rinnegano i valori democratici della nostra Costituzione e della nostra civiltà per cui i nostri antenati hanno versato sangue e sudore ?

    Report

    Rispondi

blog