Cerca

Storici nemici

Iran, l'arma per colpire Israele è un drone copiato dagli Usa

Iran, l'arma per colpire Israele è un drone copiato dagli Usa

L’Iran ha presentato un nuovo velivolo d’attacco senza pilota, capace di colpire quattro obiettivi, costruito sulla base di quello statunitense RQ-170 Sentinel di cui entrarono in possesso i Guardiani della rivoluzione nel 2011. Lo ha riferito l’agenzia iraniana Fars. Il drone si chiama Saeqeh ed è «di lungo raggio, capace di attaccare quattro obiettivi con bombe intelligenti e guidate ad alta precisione, ritornando alla base intatto», ha dichiarato il generale Amir Ali Hayizadeh, comandante delle forze aeree dei Pasdaran. Si tratta dell’ultima versione iraniana del drone Simorgh, ottenuto dagli iraniani dal RQ-170 Sentinel americano catturato dai militari iraniani nel dicembre 2011, quando entrò nel territorio iraniano vicino alla frontiera afghana. Il generale ha affermato che l’Iran non smetterà di rafforzare il suo sistema di difesa e ha aggiunto: «Il lavoro di difesa del Paese è come andare in bicicletta, se ci fermiamo cadremo, il nemico avanza sulla via dell’inimicizia e dobbiamo continuare il nostro modo di rafforzare la nostra capacità di difenderci da lui».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    03 Ottobre 2016 - 18:06

    MAI sottovalutare Israele.Hanno il cesto pieno di sorprese.

    Report

    Rispondi

  • gio52

    01 Ottobre 2016 - 21:09

    Finalmente si e' palesato un emerito coglione : lucio battaglia .

    Report

    Rispondi

  • himme

    01 Ottobre 2016 - 20:08

    Ricordo del dirottamento sul suolo Iraniano di un drone USA, già allora gli Iraniani dirottando il drone hanno dimostrato di avere una altissima preparazione tecnologica,ma di qui a dire che sono riusciti a migliorarlo fino a questo livello ,ne corre di strada, per me è una manovra per mettere sotto pressione la potente lobby ebraica negli Usa in modo da poter scegliere la Clinton come presidente

    Report

    Rispondi

blog