Cerca

La previsione

Cardinale Burke: " L'Islam è un pericolo: vogliono sottometterci "

Cardinale Burke: " L'Islam è un pericolo: vogliono sottometterci "

"L'Islam vuole conquistare il mondo,  rappresenta un pericolo perché vuole sottometterci con le armi e con i figli". Parola del cardinale Raymond Leo Burke rilasciate al Giornale. 

Patrono del Sovrano Militare Ordine di Malta e membro della Congregazione delle cause dei santi, il porporato del Wisconsin, classe 1948, non usa mezzi termine per attaccare l'islam: "L'Islam è una minaccia nel senso, che per il vero musulmano Allah deve governare il mondo. Cristo nel Vangelo disse date a Cesare quello che è di Cesare. Al contrario la religione islamica che si basa sulla legge del Corano punta a governare nel Paese dove si trovano i musulmani. Fino a quando sono minoranza non possono insistere, ma quando diventano maggioranza devono applicare la sharia. Oggi ci sono enclave, interi quartieri, in Europa dove vige di fatto il regime musulmano".

Burke ha l'idee chiare su come si debba fermare l'isis: "Bisogna fermarlo con i giusti mezzi a nostra disposizione trattandosi di criminali della peggior specie, se occorre anche militarmente". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco53

    16 Ottobre 2016 - 20:08

    Bergoglio lo scomunicherà? Pronto a scommetterci!

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    05 Ottobre 2016 - 18:06

    E' semplicemente colpa Vostra, del Vostro stupido e odioso falso moralismo.

    Report

    Rispondi

    • Ben Frank

      Ben Frank

      05 Ottobre 2016 - 23:11

      Sei proprio un povero mentecatto, oltre che fr***o!

      Report

      Rispondi

  • fausta73

    05 Ottobre 2016 - 17:05

    Purtroppo succederà. Io intanto, per fortuna sarò morta da un pezzo.

    Report

    Rispondi

  • ariete84

    05 Ottobre 2016 - 16:04

    Ditelo a Fracesco!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog

Attilio Barbieri
sds

sds

di Attilio Barbieri