Cerca

La denuncia del settimanale Le Canard Enchaine

Vini, fino a 130 trattamenti chimici su quelli francesi

Vini, fino a 130 trattamenti chimici su quelli francesi

Ha sempre il suo fascino il vino francese. Un po' per quei nomi altisonanti (bordeaux, borgogna, chaampagne), un poì per il gusto esterofilo che da sempre caratterizza gli italiani. Occhio, però. Perchè il settimanale transalpino Le Canard Enchaine ha svolto una indagine sulle 362 etichette AOC (corrispondenti alle nostre DOC) per scoprire che nella stragrande maggioranza dei casi i vini vengono sottoposti, nel processo di lavorazione in cantina che precede l'imbottigliamento, ad almeno 130 trattamenti chimici.

Che vanno dallo zolfo al ferro, dalla gelatina alla colla di pesce, dal ferro-cianuro aL potassio. Sono gli stessi disciplinari a consentire l'utilizzo di una settantina di sostanze chimiche. Per esempio il solfito di ammonio, che favorisce lo sviluppo dei lieviti; l'ureasi, una proteina che riduce la percentuale di urea nel vino; la gelatina alimentare, la colla di pesce che serve a ridurre il tasso di acidità; il solfato di rame indispensabile per ridurre il cattivo odore e, ancora, la gomma arabica. E l' elenco continua con lo zucchero, lo zolfo, il ferrocianuro di potassio, sostanza pericolosa da utilizzare con estrema attenzione, per ridurre la percentuale di ferro, di rame e di altri metalli pesanti.

E da noi? Come riporta il quotidiano economico Italia Oggi, le etichette DOC e DOP sono 403. Forse, l'unica differenza è che nessuno ha mai condotto una indagine tanto approfondita quanto quella sel settimanale francese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Delta16

    Delta16

    12 Ottobre 2016 - 18:06

    Roba da matti, questo non è più vino è una "schifezza".

    Report

    Rispondi

  • Yossi

    12 Ottobre 2016 - 16:04

    Mi farebbe piacere se pubblicaste le marche

    Report

    Rispondi

    • umberto2312

      13 Ottobre 2016 - 07:07

      Metticele pure tutte.

      Report

      Rispondi

  • Yossi

    12 Ottobre 2016 - 16:04

    Il dramma è che nessuno ha mai condotto, in Italia, una analisi approfondita forse perché le nostre esportazioni correrebbero grossi rischi. In ogni caso dipende da chi li produce, una cosa è certa ci sono bottiglie francesi, purtroppo alla portata di pochi, che non hanno ancora rivali nel mondo in Italia purtroppo ci sono pochissimi produttori eccellenti e anche questi sono alla portata di pochi

    Report

    Rispondi

  • Arch Stanton

    12 Ottobre 2016 - 15:03

    Gli agrofarmaci migliorano la qualità e quantità dei frutti, uva compresa.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog