Cerca

Lo scenario internazionale

Moldova, tra due settimane le presidenziali: filo-russi in netto vantaggio

8
Moldova, tra due settimane le presidenziali: filo-russi in netto vantaggio

Dopo l'Ucraina, la Crimea e la Siria, Putin potrebbe mangiarsi un pezzo d'Europa: tra due settimane la Moldova, piccola repubblica al confine con la Romania, voterà il suo nuovo presidente e il grande favorito sarebbe Igor Dodon, leader del Partito socialista filo-russo. Un colpo grosso per lo Zar, che potrebbe riprendere un altro tassello di quello che fino a 25 anni fa era il Patto di Varsavia in un momento peraltro delicatissimo dal punto di vista internazionale. Le tensioni clamorose tra Mosca e Stati Uniti e Nato, infatti, verrebbero aggravate ulteriormente da uno spostamento a Est della Moldova, per ora in perenne difficile equilibrio tra Alleanza atlantica e Cremlino. Come ricorda il Fatto quotidiano, secondo i sondaggi Dodon è al 28,9%, nettamente avanti rispetto ai filo-occidentali Maia Sandu (Azione e Solidarietà, 15,9%) Marian Lupu (Partito Democratico, 12,5%) e Andrei Nastase (Dignità e Verità, 11,9%).

Vero, in caso di mancata vittoria al primo turno (e difficilmente Dodon otterrà il 50%), si andrà al ballottaggio. Ma i filo-occidentali rischiano di essere travolti dagli scandali di corruzione, come già accaduto all'ex premier Vlad Filat finito agli arresti. In Moldova Stati Uniti e Russia combattono un'altra guerra fredda: Washington appoggia l'attuale governo di Filip, filo-europeista, Mosca i separatisti dell'autoproclamata repubblica di Transnistria, spina nel fianco del governo di Chisinau. In ballo c'è la politica, ma anche gli eserciti: lo scorso maggio 198 soldati americani e 165 moldavi hanno dato vita a un'imponente esercitazione militare, la Dragon Pioneer, a due passi dalle truppe di Putin schierate in Transnistria. Esibizioni muscolari e minacce velate che si stanno moltiplicando in modo sempre più inquietante nel cuore dell'Europa, dal Baltico al Mar Nero.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocc

    17 Ottobre 2016 - 08:08

    il titolo online più stupido: Putin si mangia una altro pezzo d'Europa. Ma quando.

    Report

    Rispondi

  • cane sciolto

    16 Ottobre 2016 - 18:06

    Gli USA e l'UE compreso i politici Italiani che grazie all'UE e gli USA che hanno detto di fare l'embargo alla Russia che moltissime imprese e aziende agricole hanno chiuso e sono falliti, ci facevano male i milioni di euro che la Russia ci dava per comperare i prodotti Italiani? questi che hanno fatto questo scempio anno vinto il T...a di c.... .'..o!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • nick2

    16 Ottobre 2016 - 17:05

    Fra giornalisti e commentatori non si riesce a stabilire chi siano i peggiori. Questo giornaletto online è il ricettacolo di una banda di idioti da guinnes dei primati

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media