Cerca

Lo scenario internazionale

Moldova, tra due settimane le presidenziali: filo-russi in netto vantaggio

Moldova, tra due settimane le presidenziali: filo-russi in netto vantaggio

Dopo l'Ucraina, la Crimea e la Siria, Putin potrebbe mangiarsi un pezzo d'Europa: tra due settimane la Moldova, piccola repubblica al confine con la Romania, voterà il suo nuovo presidente e il grande favorito sarebbe Igor Dodon, leader del Partito socialista filo-russo. Un colpo grosso per lo Zar, che potrebbe riprendere un altro tassello di quello che fino a 25 anni fa era il Patto di Varsavia in un momento peraltro delicatissimo dal punto di vista internazionale. Le tensioni clamorose tra Mosca e Stati Uniti e Nato, infatti, verrebbero aggravate ulteriormente da uno spostamento a Est della Moldova, per ora in perenne difficile equilibrio tra Alleanza atlantica e Cremlino. Come ricorda il Fatto quotidiano, secondo i sondaggi Dodon è al 28,9%, nettamente avanti rispetto ai filo-occidentali Maia Sandu (Azione e Solidarietà, 15,9%) Marian Lupu (Partito Democratico, 12,5%) e Andrei Nastase (Dignità e Verità, 11,9%).

Vero, in caso di mancata vittoria al primo turno (e difficilmente Dodon otterrà il 50%), si andrà al ballottaggio. Ma i filo-occidentali rischiano di essere travolti dagli scandali di corruzione, come già accaduto all'ex premier Vlad Filat finito agli arresti. In Moldova Stati Uniti e Russia combattono un'altra guerra fredda: Washington appoggia l'attuale governo di Filip, filo-europeista, Mosca i separatisti dell'autoproclamata repubblica di Transnistria, spina nel fianco del governo di Chisinau. In ballo c'è la politica, ma anche gli eserciti: lo scorso maggio 198 soldati americani e 165 moldavi hanno dato vita a un'imponente esercitazione militare, la Dragon Pioneer, a due passi dalle truppe di Putin schierate in Transnistria. Esibizioni muscolari e minacce velate che si stanno moltiplicando in modo sempre più inquietante nel cuore dell'Europa, dal Baltico al Mar Nero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocc

    17 Ottobre 2016 - 08:08

    il titolo online più stupido: Putin si mangia una altro pezzo d'Europa. Ma quando.

    Report

    Rispondi

  • cane sciolto

    16 Ottobre 2016 - 18:06

    Gli USA e l'UE compreso i politici Italiani che grazie all'UE e gli USA che hanno detto di fare l'embargo alla Russia che moltissime imprese e aziende agricole hanno chiuso e sono falliti, ci facevano male i milioni di euro che la Russia ci dava per comperare i prodotti Italiani? questi che hanno fatto questo scempio anno vinto il T...a di c.... .'..o!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • nick2

    16 Ottobre 2016 - 17:05

    Fra giornalisti e commentatori non si riesce a stabilire chi siano i peggiori. Questo giornaletto online è il ricettacolo di una banda di idioti da guinnes dei primati

    Report

    Rispondi

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    16 Ottobre 2016 - 14:02

    lasciateli andare, sono più russi che europei, se si sentono di tornare con la russia, benissimo, basta che non stiano seduto su 3 sedie.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog