Cerca

Contro il Califfato

Offensiva a Mosul contro l'Isis, paura per gli italiani alla Diga

Offensiva a Mosul contro l'Isis, paura per gli italiani alla Diga

Le forze irachene, sostenute dalla coalizione internazionale, hanno lanciato l’offensiva per riprendere il controllo di Mosul, roccaforte dello Stato islamico in Iraq. Due anni dopo che i jihadisti presero il controllo della località abitata da 1,5 milioni di abitanti e dichiararono la nascita di un Califfato tra Siria e Iraq, circa 30mila soldati delle forze di Baghdad, curde peshmerga e di milizie tribali hanno dato il via all'avanzata.

"I nostri militari sono al momento impegnati in Iraq nella salvaguardia della diga di Mosul, a una trentina di chilometri dalla città, oltre agli addestratori che sono ad Erbil e a Baghdad. Complessivamente, tra settore aereo e settore terrestre, noi contiamo circa 1.400 unità. I militari italiani che sono a vigilanza dei lavori sulla diga, non saranno coinvolti nella battaglia di Mosul". È quanto assicura il ministro della Difesa Roberta Pinotti intervenendo ad Agorà su Raitre. "Oltre la metà del territorio occupato in Iraq dal cosiddetto Califfato era stato già ripreso, però l’offensiva di Mosul era preparata da tanto tempo, per l’essenzialità di riprendere questa città simbolo, centro fortissimo del radicamento dell'Isis in Iraq", sottolinea Pinotti. "Essendo la situazione irachena molto composita, tra curdi, sunniti, sciiti, l’anno di preparazione per riprendere Mosul è servito anche per capire con quale strategia intervenire e quale sarà la composizione della futura governance. La preparazione militare è stata fatta da lungo tempo, ma c’è anche il tema della popolazione di Mosul, che nulla ha a che fare con l’Isis e che deve essere salvaguardata".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    18 Ottobre 2016 - 17:05

    paura per gli italiani perché?, che stiano a casa loro se hanno paura, sono pagati profumatamente con le mie tasse per fare la guerra e divertirsi. non sono obbligati a stare la.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    18 Ottobre 2016 - 12:12

    Onore ai mussulmani che stanno sconfiggendo l'Isis

    Report

    Rispondi

  • bozzicolonna

    18 Ottobre 2016 - 11:11

    bhe... e se anche fossero coinvolti?? sono soldati o cagnetti da compagnia?? che razza di finocchi i nostri "comandanti"..

    Report

    Rispondi

blog