Cerca

Il dramma di Piano e Failla

Libia, i due italiani rapiti e uccisi: indagato per omicidio colposo il manager della Bonatti

Libia, i due italiani rapiti e uccisi: indagato per omicidio colposo il manager della Bonatti

La Procura di Roma ha indagato Dennis Morson, operation manager della società Bonatti, nell'ambito dell'inchiesta sul sequestro e sulla morte dei tecnici Salvatore Failla e Fausto Piano, uccisi in Libia in circostanze da chiarire. Omicidio colposo e violazione dell'articolo 2087 del codice civile sulla tutela delle condizioni di lavoro sono i reati ipotizzati. Morson, per conto della Bonatti, si occupava proprio della sicurezza del personale.

Le indagini del pm Sergio Colaiocco puntano a ricostruire le circostanze per cui sono state omesse le cautele per prevenire il rischio di sequestri di persona, nel trasferimento dall'Italia al compound della Mellitah Oil and Gas dei tecnici Failla e Piano, rapiti nel luglio del 2015 assieme ai colleghi Filippo Calcagno e Gino Pollicardo, questi ultimi due liberati e tornati in Italia nel marzo scorso.

Secondo la Procura, Morson avrebbe cooperato per colpa al decesso di Piano e Failla omettendo di adottare le misure necessarie per tutelare l'incolumità fisica degli stessi durante il loro trasferimento in Libia. Per chi indaga si tratta di una ipotesi di concorso di cause indipendenti costituite, da un lato, dalle omissioni colpose della Bonatti spa (senza le quali non vi sarebbe stato il
sequestro), e, dall'altro, dal fatto illecito doloso posto da gruppi armati locali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    20 Ottobre 2016 - 10:10

    Si partiva da Roma per Djierba.Arrivavamo verso sera,una notte in albergo e poi alle 6 del mattino via in auto fino a Tripoli.Il ritorno lo facevamo da Tripoli per Malta e poi da li a Roma.Questo percorso lo fanno da 20 anni tutti quanti per risparmiare soldi.Al contrario di quelli dell'ENI che arrivano in aliscafo direttamente da La Valletta o Pozzallo.Mettetelo in galera subito.

    Report

    Rispondi

blog