Cerca

Verso la guerra

Violate le email del consigliere di Vladimir Putin, il sospetto: attacco hacker degli Stati Uniti

Usa, violate le email del consigliere di Vladimir Putin

Anche se la fonte ufficiale è una organizzazione ucraina, diverse fonti sostengono che le 2.337 email di Vladislav Surkov, braccio destro di Vladimir Putin, rese pubbliche martedì costituiscano la prima risposta americana alle intrusioni nei server del partito democratico attribuite alla Russia. Un hackeraggio in grande stile, contro il Cremlino. I messaggi svelati dimostrerebbero - riporta il Corriere della Sera -  i legami tra il consigliere del governo russo e i separatisti ucraini. Sono spuntati anche elenchi di feriti e spese sostenute dai ribelli e la lista dei ministri che sarebbero poi stati nominati nel governo dell’autoproclamata repubblica indipendente di Donetsk.

Il Cremlino ha  smentito seccamente sostenendo che Surkov "non usa proprio la posta elettronica. Nemmeno per questioni personali". Il portavoce di Putin Dmitrij Peskov ha poi aggiunto che chi ha "fabbricato" l’incartamento ("un documento interessante", l’ha definito) ha certamente lavorato a lungo: "Qualcuno deve aver sudato parecchio per mettere assieme il materiale".  Il consigliere è molto vicino al leader russo tanto che nonostante sia ufficialmente sulla lista nera di chi non può viaggiare in Europa e negli Usa per il coinvolgente nell'annessione della Crimea, è comparso nei giorni scorsi senza pudore e timore alcuno al fianco di Putin in Germania. L’iniziativa potrebbe essere un primo messaggio di avvertimento diretto  al Cremlino da parte degli Usa. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    28 Ottobre 2016 - 18:06

    L'imbecille caffellatte è proprio determinato a crearci guai.

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    28 Ottobre 2016 - 17:05

    ...tutto quì??...

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    28 Ottobre 2016 - 16:04

    Certo che il negro si ritrova sempre con le mani sporche di marmellata. Lui e la clinton sono famosi per le e.mail. Ma che schifo.

    Report

    Rispondi

  • cane sciolto

    28 Ottobre 2016 - 16:04

    I guerrafondai e da alcuni anni che va rompendo i Coglioni alla Russia e Putin ringraziando Iddio e grazie anche a lui che si sta mantenendo calmo, ma quanto può resistere una persona a sopportare sti guerrafondai di Americani? speriamo che vinca Tramp che se vince la Clinton la vedo brutta sia per loro che noi Europei.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog