Cerca

Elezioni americane

Mailgate, Hillary Clinton "fregata da una vendetta dell'Fbi"

Mailgate, Hillary Clinton "fregata da una vendetta dell'Fbi"

Non è un caso che l'Fbi abbia riaperto l'inchiesta sul Mailgate di Hillary Clinton. A dieci giorni dalle elezioni presidenziali americane, infatti, torna alla ribalta lo scandalo sessuale che ha coinvolto Anthony Weiner, ex deputato democratico ed ex marito di Huma Abedin, braccio destro di Hillary Clinton. L'Fbi ha scoperto che l'uomo aveva una relazione telematica hard con una quindicenne con la quale scambiava foto e messaggi osceni e inscenava stupri e atti di sesso estremo. Ora, rivela Maria Giovanna Maglie a Dagospia, devono essere arrivate informazioni scottanti fresche "da telefoni e computer sequestrati" che gettano nuove ombre sulla "mai chiarita storia delle mail nascoste o distrutte da Hillary Clinton, alla fine del suo mandato di segretario di Stato".

E sicuramente, continua la Maglie, "la dietrologia ci può portare anche a pensare che James Comey, capo dell'Fbi, "a luglio avesse chiuso l'indagine senza decidere nessuna forma di incriminazione, anche se aveva precisato che il comportamento di Hillary Clinton e del suo staff di collaboratori era stato interamente negligente e incredibilmente inaffidabile, non perché convinto ma perché sottoposto a violente pressioni da parte di Casa Bianca, Dipartimento di Giustizia, Dipartimento di Stato". Comey è un filo repubblicano: è stato vice ministro della Giustizia di George W. Bush, è amico di Rudy Giuliani. Barack Obama, conclude la Maglie, "fu costretto a nominarlo nel 2013 direttore del Fbi perché aveva bisogno dell'approvazione rapida del Senato in maggioranza repubblicana, Hillary Clinton presidente non lo riconfermerebbe mai". E lui "potrebbe essere stato così furbo o saggio da beccarsi centinaia di insulti da parte dei repubblicani e di Trump, ma in realtà aspettare l'occasione propizia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fausta73

    29 Ottobre 2016 - 11:11

    Quindibisogna informarsi sulle abitudini sessuali dei colleghi di lavoro?

    Report

    Rispondi

    • fofetto

      29 Ottobre 2016 - 13:01

      No, però se tu ti fai i ca@@i miei,beh allora io sono autorizzato a farmi i ca@@i tuoi. O no!

      Report

      Rispondi

  • Skyler

    29 Ottobre 2016 - 11:11

    Dai che se questa venisse eletta creerebbe un nuovo ministero: il sesso applicato sui posti di lavoro

    Report

    Rispondi

blog