Cerca

Nel mirino

Stati Uniti, Nbc: il governo teme un massiccio attacco hacker nel giorno del voto

Stati Uniti, Nbc: il governo teme un massiccio attacco hacker nel giorno del voto

A quattro giorni dal voto Usa, il governo americano suona ancora l'allarme: il timore è quello di un massiccio attacco hacker della Russia o di altri Paesi ai server elettorali, con l'obiettivo di creare il caos nel giorno delle presidenziali, che cadono martedì 8 novembre. Per prevenire la minaccia, si apprende, la Casa Bianca sta agendo d'intesa con il Dipartimento per la sicurezza nazionale, Pentagono, Cia ed Nsa. La notizia viene riportata dalla Nbc, che cita alti funzionari dell'amministrazione Obama.

La prestigiosa emittente spiega che "a Washington ci si prepara al peggio", compreso il cosiddetto worst-case scenario, il peggiore degli scenari possibili: "Un massiccio cyber-attacco che mandi totalmente o parzialmente in tilt la rete elettrica o internet del Paese, facendolo precipitare nel caos". L'intelligence a stelle e strisce, inoltre, lavora per prevenire azioni di manipolazione e disinformazione attraverso i social media: la pubblicazione di documenti falsi a ridosso del voto, senza il tempo tecnico per la verifica da parte dei media, potrebbe compromettere l'esito della corsa elettorale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • evo village

    04 Novembre 2016 - 11:11

    Vi vergognate a firmarle queste luride veline di disinformazione, giornalisti-servi!

    Report

    Rispondi

  • evo village

    04 Novembre 2016 - 11:11

    Il cancro gli USA ce l'hanno dentro altro che Russia! Hillary-Obama burattini degli usurai mondialisti faranno di tutto per impedire a Trump di vincere le elezioni. Ma gli uSA (beati loro!) hanno anche gli anticorpi, web free press, FBI, Polizia di NY e parte del Pentagono sono già attivi per sconvolgere i loro piani.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    04 Novembre 2016 - 10:10

    C'è dietro il bastardo Putin

    Report

    Rispondi

blog