Cerca

In volo, a sorpresa

Usa 2016, Donald Trump è il nuovo presidente degli Stati Uniti: Hillary Clinton demolita

Donald Trump

Alle ore 8.35 arriva il verdetto ufficiale: Donald Trump è il nuovo presidente degli Stati Uniti d'America. Un duello serratissimo, un testa a testa zeppo di colpi di scena, con Hillary Clinton clamorosamente battuta. Decisive le ultime tre vittorie in Michigan, Wisconsin e Pennsylvania, con il repubblicano che arriva a 277 grandi elettori: 7 più del necessario, irraggiungibile. Trump, insomma, ha vinto. Contro tutto e tutti. Contro tutti i pronostici. Contro la Clinton e contro Barack Obama, anche lui distrutto politicamente. Ora cambia la storia.

Festa all'alba - La festa al quartier generale di Trump era già iniziata poco dopo le 5 del mattino, ora italiana, quando secondo il New York Times, aveva "il 95% di possibilità di conquistare la presidenza". Tutto merito, inizialmente, di Florida e Ohio, due Swing State dove si è imposto con due clamorose rimonte: in entrambi Hillary Clinton era data in vantaggio, salvo doversi piegare a The Donald, che ha conquistato anche il Texas. Trump, inoltre, ha sfiorato la vittoria in Virginia, che avrebbe quasi tagliato fuori dai giochi la Clinton; all'ultimo, però, il risultato è girato a favore dei democratici. Tutto si gioca in Michigan, dove Trump è in vantaggio: in caso di vittoria del repubblicano, la corsa alla Casa Bianca sarebbe quasi blindata, mentre per la Clinton sarebbe quasi finita.

Gli Stati a Trump - I primi dati della nottata sono arrivati da Stati in cui il grande favorito era Donald Trump, ed è stata confermata la vittoria del repubblicano. A Trump vanno Indiana e Kentucky con un ampio vantaggio, rispettivamente con 11 e 8 grandi elettori.  A The Donald anche West Virginia, VirginiaGeorgia e Tennessee. Poi si è imposto anche in Oklahoma e Mississippi. Quindi al repubblicano Alabama, South Carolina, Alabama, Arkansas, Nebraska, Kansas, Wyoming, North Dakota, South Dakota, Louisiana, Montana e Missouri. Verso l'alba, per Trump, la vittoria anche in Idaho, Utah, Wisconsin e Iowa. 

Gli stati alla Clinton - Hillary si prende il Vermont e i suoi tre grandi elettori: tutto come previsto, lo Stato era andato ai democratici anche nelle precedenti elezioni. Alla democratica anche la Virginia (13 grandi elettori) alla fine di un fondamentale e serratissimo testa a testa. Inoltre, alla Clinton vanno Illinois, New Jersey, Massachussets, Maryland, Rhode Island, Delaware (in tutti questi Stati la vittoria di Hillary era ampiamente pronosticata). Dunque anche lo stato di New YorkConnecticut, Michigan e Nuovo Messico. Importante vittoria anche in Colorado, ma per Hillary il distacco sembra quasi incolmabile. A seguire, le scontate vittorie democratiche in California, HawaiiOregon e Nevada.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miraldo

    09 Novembre 2016 - 10:10

    Dopo la vittoria di Trump negli Stati Uniti seguirà quella della Le Pen in Francia e automaticamente quella della Lega di Salvini in Italia.............. Cosi è scritto e cosi sarà........... Cari sinistroidi del Pd e del M5s fatevene una ragione, anzi iniziate a scappare verso la Corea e Cuba.........

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    09 Novembre 2016 - 08:08

    Ha vinto Donald contro tutto e contro tutti. Contro la grande stampa, contro i network, contro le multinazionali delle armi, che preferivano la guerrafondaia Hillary, contro attori e cantanti multimiliardari radical chic, contro le calunnie e, nel suo piccolo, anche contro il nostro Pinocchio fiorentino. Evviva!

    Report

    Rispondi

    • Chry

      09 Novembre 2016 - 11:11

      Contro L'intelletto, contro i giusti, hanno votato per i grandi elettori, loro confermeranno trump, del resto abbiamo passato Bush jr, passerà anche questa

      Report

      Rispondi

blog