Cerca

Il presidente nel mirino

Usa 2016, i timori dell'intelligence: Donald Trump a rischio attentato

Donald Trump

E se Donald Trump facesse la fine di John Fitzgerald Kennedy? Ammettiamolo, in molti lo hanno pensato: The Donald, infatti, rischia di essere troppo scomodo per l'establishment, proprio come, certo per vie molto differenti, lo fu Jfk. E così, subito dopo l'elezione, hanno iniziato a circolare ipotesi sanguinarie e suggestive, che vanno dall'attentato prima ancora che varchi la soglia della Casa Bianca fino agli scandali, veri o presunti che siano, che parimenti gli impediscano l'approdo al potere.

Nella storia degli Stati Uniti sono stati assassinati quattro presidenti, ma soltanto uno negli ultimi 100 anni (proprio Jfk). Inoltre, come sottolinea Il Giornale, sono stati sventati 20 complotti per uccidere gli inquilini della Casa Bianca: Ronald Regan, il presidente che per storia e ascesa più ricorda The Donald, fu ferito in un attentato. Poi George Bush, al quale hanno tirato una granata che fortunatamente non è esplosa. Sul web, e non solo, le voci dei complottisti si fanno sentire. Anche perché lo scorso giugno, a Las Vegas, fu arrestato un 20enne inglese, Michael Steven Sandford: aveva progettato un precisissimo piano per uccidere Trump (lo scorso settembre si è dichiarato colpevole, fortunatamente non è riuscito ad esplodere neppure un colpo).

Ma non si parla soltanto di complotti, complottardi e complottisti. Ad aggiungere pepe e preoccupazione c'è una lettera aperta di 50 esperti di alto livello della sicurezza nazionale, pubblicata dal New York Times. Firmata da uomini di apparato di spicco quali Tom Ridge e Michael Chertoff, ex segretari dell'Interno, e da ex direttori dell'intelligence, come John Negroponte, la missiva mette nero su bianco che "Trump sarebbe un presidente pericoloso, che metterebbe a rischio la sicurezza e il benessere nazionale del nostro paese". Michael Hayden, ex capo della Cia, non esclude una rivolta dei militari se Trump dovesse dare "ordini illegali" sul terrorismo o altre operazioni.

Ma l'attentato, la morte, non sarebbe l'unica via per impedire a Trump l'esercizio del potere. A dicembre i grandi elettori dovranno investire Trump del mandato: ne basterebbero 50 per impedirgli di diventare presidente (in passato è già accaduto in nove casi). Una rivolta dei delegati, dunque, potrebbe impedirgli la Casa Bianca. Così come potrebbe impedirgliela uno scandalo, come accennato. E ce ne sarebbe già uno pronto ad emergere, uno scandalo che coinvolgerebbe Vladimir Putin e che è stato ventilato da Michael Morell, direttore della Cia dal 2010 al 2013, che ha accusato il presidente di essere "un pericoloso comandante in capo. Nell'intelligence diremmo che Putin ha reclutato Trump come agente inconsapevole della Federazione russa". Presto, insomma, la macchina del fango potrebbe "venderci" Trump come marionetta di Putin. The Donald riuscirà a resistere alla tempesta perfetta?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ambastianelli

    11 Novembre 2016 - 16:04

    E siccome loro esportano democrazia fanno fuori chi la pensa in modo diverso certo che ovunque vai il rosso non sbiadisce mai e stanamente il rosso fa pensare al sangue quello che loro fanno versare ovunque vanno Maledetti

    Report

    Rispondi

  • Chry

    10 Novembre 2016 - 18:06

    Credo che molti lo pensano..come una soluzione

    Report

    Rispondi

  • scorpio53

    10 Novembre 2016 - 18:06

    questa è l'America dei "democratici"?? a qualunque latitudine le zecche rosse sono uguali per DNA. Parlo delle zecche rosse per indicare quei sinistroidi violenti che si riempiono la bocca di democrazia, calpestandola un attimo dopo, se è a loro discapito. I sempre pronti alla somossa, alla devastazione e al linciaggio dell'avversario che và vinto in tutti i modi leciti e non, democraticamente!

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    10 Novembre 2016 - 18:06

    Non è che gli accidenti di Don Giorgio siano arrivati a segno?Li indirizzi verso coloro che ci hanno messo nella merda.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog