Cerca

Un salto nel buio

Donald Trump, l'indiscrezione: Jamie Dimon di Jp Morgan verso il Tesore

Jamie Dimon

Dopo la conquista della Casa Bianca, inizia il toto-nomine. Si parla della squadra di governo che verrà scelta da Donald Trump per la sua presidenza degli Stati Uniti. Quasi certi, e questo è noto, i nomi di Sarah Palin e Rudolph Giuliani, due durissimi e purissimi che sembrano nati, tagliati e confezionati per governare con The Donald. Sono semmai le indiscrezioni delle ultime ore ad essere una sorpresa, una notizia che potrebbe turbare, e subito, l'idillio di Trump con i suoi elettori.

Si parla del possibile segretario al Tesoro: il nome che sta circolando con maggiore insistenza è quello di Jamie Dimon. Chi è costui? Presto detto: il ceo di JP Morgan, nel suo passato inoltre forti legami con Goldman Sachs. Un uomo delle banche, dunque. E che banche: i due principali colossi degli Stati Uniti. Un uomo che comanda queste banche. Un nome strano, dunque, quello di Dimon, perché Trump in tutta la sua campagna elettorale ha martellato contro il sistema e quelle banche che furono al cuore della crisi finanziaria. Per inciso, Dimon è stato uno degli artefici della rinascita di JP Moragn, l'istituto finito a un passo dal crac dopo la crisi finanziaria del 2008. Un banchiere al Tesoro, forse. Una scelta difficile da digerire, per chi lo ha votato, contro le banche e contro il sistema.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Mik21

    11 Novembre 2016 - 19:07

    Trump e' colui che difende il capitalismo ormai sotto attacco dall'Europa. La Clinton si era europeizzata e Obama si è rivelato un socialista. La finanza e' la massima espressione del capitalismo. Può piacere o no ma gli Stati Uniti con la Gran Bretagna ne sono i difensori, il resto è tutto una scimmiottatura tra marxismo e religione. Fatelo presente a salvini...

    Report

    Rispondi

  • maurinard

    11 Novembre 2016 - 19:07

    Se Trump fa questa ha prese per i fondelli tutto il mondo. Purtroppo sappiamo che tutti gli uomini d'affari sono ricattabili dalle banche. Vedi Berlusconi 2011 con Mediaset crollo azioni. Lo strozzinaggio della Deutsch bank con la vendita d 7 miliardi di euro di bot in un giorno più l'effetto domino ha fatto schizzare lo spread oltre 500. Tutti gli indicatori economici erano molto meglio di oggi!

    Report

    Rispondi

  • maurinard

    11 Novembre 2016 - 19:07

    Se Trump fa questa ha prese per i fondelli tutto il mondo. Purtroppo sappiamo che tutti gli uomini d'affari sono ricattabili dalle banche. Vedi Berlusconi 2011 con Mediaset crollo azioni. Lo strozzinaggio della Deutsch bank con la vendita d 7 miliardi di euro di bot in un giorno più l'effetto domino ha fatto schizzare lo spread oltre 500. Tutti gli indicatori economici erano molto meglio di oggi!

    Report

    Rispondi

  • cartonito

    11 Novembre 2016 - 16:04

    ti piacerebbe essere come lui ma purtroppo tu sei nato troppo in basso visto come ti chiami .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog