Cerca

Il 20 gennaio la cerimonia d'insediamento

Casa Bianca, come cambierà con l'arrivo di Donald e Melania Trump

Casa Bianca, come cambierà con l'arrivo di Donald e Melania Trump

Qua, tutto giù! Là, tutto giù! Chissà se l'arrivo dei Trump alla Casa Bianca, dopo la cerimonia d'insediamento del prossimo 20 gennaio, sembrerà una scena del film "Amici miei": quella in cui i quattro amici burloni arrivano al paesello e fingono che vi debba passare un'autostrada e che di fatto molte delle case vengano tirate giù. Perchè è ovvio che Melania e Donald porteranno un po' del loro stile nella residenza al 1600 di Pennsylvania Avenue. Certo, entro i limiti previsti dal protocollo che impone di rispettare certi standard di buon senso e buon gusto per chi vi mette piede. Ma se tutti i presidenti hanno "ritoccato" la Casa Bianca secondo i loro gusti, a Washington c'è chi parla già di "Golden house" per descrivere la White House in salsa trumpista.

Oro, specchi, dorature, colori caldi come il giallo e l'ocra insieme ai marmi policromi sono la base dell'arredamento dell'attico hollywoodiano in cui dagli anni '80 i Trump vivono nella Trump Tower sulla Fifth Avenue, a New York. Ed è inevitabile che qualcosa di quello stile filtri oltre i muri della augusta dimora dei presidenti. Quel che pare certo, comunque, è che il famoso orto di Michelle Obama abbia i giorni contati: al suo posto Melania pensa a un campo da minigolf a 8 buche "per assecondare i gusti di Donald". Il quale, a detta della first lady, adora quel gioco e poi "mangia solo junk food" (letteralmente "cibo spazzatura"), cioè cose da fast food e poco altro, per cui il consumo di verdure non pare essere una delle priorità di famiglia.

E' anche possibile che il grande giardino venga ridotto per fare più spazio ai parcheggi. E, ancora, che vi trovi posto qualcuna delle piante esotiche (quelle che meglio sopportano il freddo degli inverni della Capitale) della tenuta di famiglia di Mar-a-Lago in Florida. Tutta da rifare anche la stanza di Bo, il cane degli Obama, perchè Spinee, il fedelissimo di Trump, pare abbia altre esigenze.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog