Cerca

Fuori controllo

Hillary Clinton, la crisi di nervi nella notte elettorale: "È stata sedata"

Hillary Clinton

Una crisi di nervi. Violenta e incontrollabile. La notte delle elezioni per Hillary Clinton si sarebbe trasformata in un dramma: non aveva neppure preso in considerazione l'ipotesi di perdere la Casa Bianca contro Donald Trump. Eppure ha perso. E dopo la sconfitta, la scomparsa: per lunghe ore, come è noto, la candidata democratica non si è palesata. Neppure a tarda notte, quando è stata "congedata" la folla al suo comitato elettorale, dove era attesa. La Clinton si è fatta vedere soltanto il giorno successivo, col volto tirato e gli occhi lucidi.

Ma cos'è successo in tutte quelle ore in cui Hillary si è, di fatto, nascosta? Già subito dopo il voto circolavano indiscrezioni su una reazione scomposta della democratica. Indiscrezioni rilanciate e rafforzate dai siti della galassia della destra statunitense: secondo quanto si legge, infatti, avrebbe avuto una vera e propria crisi di nervi. Come prova viene citato un giornalista della Cnn, che avrebbe "censurato" la notizia sulla sua tv.

Nel dettaglio, intorno alla mezzanotte ora americana, quando la sconfitta era pressoché certa, il presidente della campagna John Podesta sarebbe andato dalla Clinton per darle la notizia. Lei avrebbe perso il controllo, aggredendo fisicamente Podesta e il manager Robby Mook: per bloccarla sarebbe intervenuto un medico, che le avrebbe somministrato una dose di tranquillanti. Sarebbe questa la ragione per la quale, come accennato, Hillary non si è presentata la sera stessa per concedere la vittoria a Trump.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antonimo

    23 Novembre 2016 - 23:11

    Con questa ci vuole un Esorcista, altro che sedativi. Quanto ai clintoniani de noantri come Napolitano, Renzie, Boschi, Boldrina, i guitti e gli scherani grandi e piccoli dell'entità pidiota, sono così imbecilli da pensare che basterà qualche battuta idiota ed il loro abituale leccaculismo per entrare nelle grazie di Trump. Come d'abitudine, non hanno capito un caxxo!

    Report

    Rispondi

  • veneziano49

    22 Novembre 2016 - 14:02

    ...chissà Renzi ed Alfano dopo il referendum

    Report

    Rispondi

  • Luigi Farinelli

    22 Novembre 2016 - 11:11

    Un vero e proprio stress test: ulteriore conferma di essere inadatta a fare il presidente (pardon: la presidenta).

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    19 Novembre 2016 - 14:02

    Pensa te se le avessero dato la valigetta atomica alla matta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog