Cerca

Seicento attentati

Tutte le volte che hanno provato a uccidere Fidel Castro

Tutte le volte che hanno provato a uccidere Fidel Castro

Per cinquant'anni Fidel Castro è stato nel mirino della Cia e si dice che sia sopravvissuto a ben 638 attentati. Fabian Escalante, che ha lavorato per la sicurezza di Castro, riporta il Daily mail, sostiene che per i modi in cui hanno tentato di ammazzarlo la sua storia è degna di un film di James Bond.

Per esempio, pare che i servizi segreti americani abbiano provato a ucciderlo con un sigaro e una penna stilografica avvelenata e con delle conchiglie esplosive. Una volta addirittura la Cia ha arruolato una sua ex amante, Marita Lorenz, per somministrargli delle pillole avvelenate. Le cose andarono così. Marita vive a Cuba ed è l'amante di Fidel, finché resta incinta e si ammala. Torna quindi negli Stati Uniti dove gli 007 americani la convincono del fatto che Castro voglia farla abortire. E quindi a vendicarsi assassinando il suo amante per il proprio bene e per il bene degli Stai Uniti. Quello che deve fare è piuttosto semplice: deve mettergli una pastiglia avvelenata nel bicchiere.

Ma Castro scopre il tentativo e come racconta lei stessa, tira fuori una pistola, gliela porge e le dice: "Sei venuta a uccidermi? Allora sparami". Poi si accende un sigaro, tira una boccata, e chiude gli occhi: "Sapeva che non lo avrei mai potuto fare. Lui mi amava ancora e io lo amavo". E cade tra le sue braccia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    26 Novembre 2016 - 14:02

    600 attentati?E non lo sono riusciti ad ammazzare con 600 attentati?Meno male che ci ha pensato Sorella Morte.Se no questo lercio personaggio se campava ancora faceva ancora danni.Meno male.Meglio tardi che mai. "Sono io la morte e porto Corona...Sono di tutti quanti voi Signora e Padrona".... Anche del Vecchiaccio Malefico.Non scappa nemmeno lui.Prima o poi se lo porta via.Speriamo a breve.

    Report

    Rispondi

blog