Cerca

Sotto assedio

Siria, i fantasmi dopo i bombardamenti "Aleppo Est non esiste più"

Aleppo, la città fantasma. Dopo i bombardamenti spopolamento mai visto prima

Aleppo, sotto assedio ormai da 13 giorni, vede i primi progressi: la zona est infatti è stata appena liberata dalle truppe del FSD, le truppe alleate curdo-arabe, sostenute militarmente dagli Stati Uniti.

Il problema è che quest'area è stata teatro dei peggiori scontri degli ultimi giorni, e quindi ora, nonostante sia sotto il controllo delle truppe governative, sta assistendo a un fenomeno di spopolamento mai visto prima. Tutta la zona est sta infatti diventando una vera e propria città fantasma: circa 10.000 profughi stanno abbandonando questi quartieri, stremati dai bombardamenti, dalle mine antiuomo (che i militari stanno ancora cercando di rimuovere) e dagli episodi di guerriglia con i ribelli, e si stanno recando in altri quartieri di Aleppo.

L'Osservatorio siriano per i diritti umani specifica che 6.000 di questi profughi si sta recando a nord, verso il quartiere Shaykh Maqsud, sotto il controllo della FSD, e gli altri (circa) 4.000 si dirigono invece nelle zone sotto il controllo delle truppe governative di Assad. I ribelli dello Stato Islamico hanno perso oltre un terzo di Aleppo, e sotto le offensive congiunte di Russia, FSD (Stati Uniti) e Assad sono in continua regressione, ma a un altissimo costo: le vittime tra i civili sono tantissime, e purtroppo si contano principalmente bambini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allerria

    28 Novembre 2016 - 14:02

    Aleppo, sotto assedio ormai da 13 giorni, vede i primi progressi: la zona est infatti è stata appena liberata dalle truppe del FSD, le truppe alleate curdo-arabe, sostenute militarmente dagli Stati Uniti.Dove l'avete pescata questa notizia farlocca,ha ha ha ha ridicoli.

    Report

    Rispondi

blog