Cerca

Crisi Italia-India

Pasticcio marò, a rischio
affari per 8 miliardi di euro

I rapporti tra i due Paesi precipitano: in forse la partecipazione italiana a centinaia di bandi pubblici. Difficoltà in vista per 400 aziende

I marò

I marò

di Antonio Castro

Vale oltre 8,5 miliardi l’interscambio commerciale tra Italia e India. Negli ultimi 20 anni - stando proprio all’analisi dell’Ufficio commerciale dell’Ambasciata d’Italia a Nuova Delhi, i rapporti ex-import sono cresciuti di 12 volte. Ora il rischio è che questo trampolino commerciale formidabile verso l’Asia (dalla Cina al Sud Est asiatico) venga divelto dalla crisi diplomatica tra i due Paesi. Certo a rischio c’è l’affare dei 12 elicotteri che una controllata Finmeccanica (AgustaWestland) avrebbe dovuto fornire al governo indiano (un affare da 560 milioni). Ma si tratta solo della punta del’iceberg di un alveare di business andati a sbattere contro la crisi diplomatica peggiore degli ultimi 30 anni. 

Come se non bastasse la tensione politica, il braccio di ferro innescato dal mancato rimpatrio rischia di complicare l’esistenza quotidiana dei circa 902 italiani residenti nel continente. Secondo gli ultimi dati disponibili della Farnesina ufficialmente in quel Paese risiedono registrati all’Aire (il registro degli italiani all’estero), meno di mille italiani. Un’inezia se paragonato ai 121.036 indiani che hanno trovato lavoro e accoglienza dalla Lombardia al Lazio, passando anche per la Valle d’Aosta (ne sono censiti appena 72 tra Aosta e baite limitrofe).

Il problema è che i due marò per rientrare in Italia hanno ottenuto un permesso speciale dai tribunali del Kerala, stato meridionale della Repubblica federale indiana. E per ottenere il permesso di votare (1 mese), l’ambasciatore italiano Daniele Mancini, si è impegnato sul «suo onore» a garantirne il rientro. Insomma, per gli indiani l’ambasciatore fa da garante in solido, tralasciando il diritto internazionale e l’immunità diplomatica. 

Il problema è che proprio prendendo a pretesto la crisi di rapporti diplomatici le imprese indiane potrebbero sospendere i pagamenti per le merci italiane. Non solo. Irritati per il cambio di strategia, gli indiani potrebbero quantomeno rendere complicata la vita degli uomini d’affari italiani e delle 400 imprese tricolori che hanno sedi di rappresentanza e stabilimenti nel continente. Senza contare i danni che potrebbero derivare dall’esclusione delle imprese italiane dalle grandi commesse per l’ammodernamento infrastrutturale della Repubblica indiana. In ballo ci sono 1.000 miliardi di grandi opere che l’India vorrebbe realizzare (o quantomeno avviare) entro il 2017. Le imprese italiane attive nelle costruzioni, cantieristica, forniture di vario genere guardano con l’acquolina in bocca a questa grande torta di investimento. Ma potrebbero restare fuori dalla spartizione, facendo la gioia di tedeschi, francesi e americani che su questo piano di sviluppo infrastrutturale hanno già messo gli occhi. 

Tralasciando gli investimenti italiani in India: stando ai censimenti Eurostat  l’Italia ha investito ben 694 milioni di euro in India nel 2011 (portando lo stock complessivo a 2,58 miliardi di euro). 

Nel 2011 le imprese indiane hanno sommesso sull’Italia circa 66 milioni di euro (957 milioni nell’Ue). Ma i miliardari indiani (non c’è solo Tata) hanno il portafoglio gonfio e vorrebbero approfittare della crisi europea per fare shopping. Negli ultimi 7 anni - stando sempre ai dati Eurostat -  gli investimenti indiani nell’Ue sono cresciuti da 584 milioni del 2004 a 10 miliardi del 2011. La battuta d’arresto dei rapporti bilaterali rischia di costare alle nostre imprese molto più della commessa per i 12 elicotteri.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • afadri

    23 Febbraio 2014 - 22:10

    Ecco che cosa è la politica. Sacrificio di vite umane per il business. Via fuori dai coglioni quella moltitudine di Indiani presenti in Italia e arresto immediato dell'ambasciatore Indiano.

    Report

    Rispondi

  • robertoberretta

    18 Marzo 2013 - 20:08

    Capisco gli interessi in India, ma di fronte ad una scelta etica, non ci sono ragioni che tengano, per una volta mettiamo davanti i principi al Dio denaro, siamo stati imbrogliati fin dall'inizio, la nave era in acque internazionali e non avrebbe dovuto entrare nelle acque indiane, il governo indiano è responsabile della situazione, avendo permesso alla sua magistratura una serie infinita di rinvii... Speriamo che l'Italia mostri le palle una volta almeno, propongo di non rinnovare più i permessi agli indiani residenti in Italia e provvedere all'allontanamento dei diplomatici indiani se la situazione non si risolve.....

    Report

    Rispondi

  • libero_pantalone

    18 Marzo 2013 - 18:06

    come ho scritto in alta sese basta dare aiuto e sostegno al Pakistan dirottandovi gli italiani e rimpatriando gli indiani come gesto di buona volontà per il pakistan

    Report

    Rispondi

  • paolo44

    18 Marzo 2013 - 18:06

    non si deve permettere di offendere l'Italia. Vili e bugiardi, hanno preso i marò con l'inganno, su prove probabilmente false volevano costruire un processo. E a quel punto con quelle teste di sic era addirittura possibile una condanna a morte! Che vada al diavolo l'india con tutti i suoi accattoni che mangiano roba puzzolente con le mani. Ci rimetteranno più loro di noi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog