Cerca

Il giallo

La Femen islamica a seno nudo
Prima le minacce: "Da lapidare"
Ora è sparita: nessuna traccia

Amina, 19enne musulmana, si batte per la liberazione della donna in Tunisia. I predicatori islamici la vogliono morta. Adesso è scomparsa nel nulla

La Femen islamica a seno nudo
Prima le minacce: "Da lapidare"
Ora è sparita: nessuna traccia

Ha diciannove anni, è tunisina, è musulmana e adesso rischia la lapidazione. La colpa di Amina è quella di essere entrata a far parte del movimento "Femen" e di aver mostrato il suo corpo come segno di protesta contro gli abusi sulle donne nel suo Paese. Una decisione questa che però non è piaciuta ai predicatori islamici che hanno invocato per lei perfino la pena di morte. E oggi, sabato 23 marzo, la storia di Amina si tinge di giallo e preoccupa: di lei, infatti, non si hanno più notizie. L'attivista tunisina è sparita e nessuno riesce più a contattarla. Secondo quanto affermato dai predicatori islamici, la blasfema dovrebbe "ricevere dieci frustrate e poi va lapidata finché morte non sopraggiunga. Questo quanto aveva prospettato Adel Almi,  infastidito anche dalle parole di Amina che in una intervista rilasciata a Ettounsiya Tv ha puntualizzato: "Il corpo è mio e non appartiene a nessun altro, né a mio padre, né a mio marito, né a mio fratello”.

Il mistero - Come detto, ora di Amina non si hanno tracce. Dopo foto a seno nudo la sua pagina facebook è stata piratata da un hacker, ovviamente la sua identità è sconosciuta, che si nasconde dietro il nickname Angour. La fondatrice dell'organizzazione Femen, Inna Shevchenko, ha dato l'allarme confermando di non aver più avuto notizie della liceale: "Il suo cellulare è spento da tre giorni, il suo profilo Facebook è disattivato, così come quello su Skype". La "madre" delle Femen ha però rivelato al quotidiano francese Liberation: "Abbiamo ricevuto messaggi nei quali è indicato che sta con la sua famiglia e che sta bene, ma non conosciamo le persone che ce li hanno inviati. Con le sue foto voleva dare il suo sostegno a Femen, come tante donne nel mondo. Eravamo in contatto con lei da due settimane, desiderava lanciare Femen in Tunisia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    28 Marzo 2013 - 04:04

    fatta fuori.Da quelle parti con le donne non ci vanno tanto per il sottile.

    Report

    Rispondi

  • uomo-qualunque

    23 Marzo 2013 - 23:11

    da una organizzazione di emancipate musulmane in Arabia saudita invitano tutte le femen ucraine a farsi vive da quelle parti. Su', coraggio, anche noi dall'Occidente tutto vogliamo che andate a fare un giretto da quelle parti. Poi raccontateci come' e' andata....

    Report

    Rispondi

  • uomo-qualunque

    23 Marzo 2013 - 23:11

    e si capisce inoltre perche' le femen ucraine vanno al Vaticano a mostrare le loro brutture, tanto dopo le danno una pacca nella schiena (o forse un po' piu' in giu') e loro tornano domenica prossima. Andassero a fare una dimostrazione in Afganistan

    Report

    Rispondi

  • Pugile

    23 Marzo 2013 - 19:07

    Siediti sul bordo del fiume e aspetta.... come recita l'antico proverbio cinese, mi sono messo seduto e ho aspettato che qualcuno iniziasse a far abbassare la testa a queste rumorose galline esibizioniste, ci stanno pensando i nostri amici islamici.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog