Cerca

Sesso pericoloso

Prostituta muore con un cliente. Poi "risorge" nella bara

Dallo Zimbawe. Pareva deceduta. Si risveglia e comincia a urlare: aveva solo perso i sensi

Prostituta muore con un cliente. Poi "risorge" nella bara
Georges Bataille, scrittore e filosofo francese, definiva l'orgasmo femminile "petite mort", alla lettera piccola morte, per la sospensione provvisoria del controllo fisico. Un dolce tormento per intenderci che lascia il corpo momentaneamente privo di sensi, come accade quando si muore. Le sensazioni corporee possono essere di un'intensità tale per cui può accadere che il corpo ceda temporaneamente. Deve essere quello che è successo anche nella città di Bulawayo, Zimbabwe, dove una prostituta è morta, o almeno così sembrava, mentre faceva sesso con un cliente. L'uomo una volta accortosi del trapasso ha avvertito la polizia locale che, giunta sul posto, ha prelevato il cadavere dal letto in cui si trovava e l'ha trasferito all'intero di una bara. Durante il trasporto però gli agenti hanno avvertito degli strani rumori provenire dal feretro. La donna era in realtà viva anzi, vivissima. "Volete uccidermi, volete uccidermi!" ha urlato la squillo, identificata solo come Mandlo, mentre la polizia l'aiutava a liberarsi dalla scampata morte. "Sembrava un film – ha raccontato un testimone – Eravamo tutti convinti che fosse morta. E’ un miracolo". Ma quale miracolo! La verità è che questi sono rischi del mestiere.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Legionauro

    27 Marzo 2013 - 16:04

    @ Satanasso .... ma va là ! Forse lei avrà, molto più semplicemente, detto al suo cliente, nell'apice dell'estasi: "Siiii, fammi morire...!".... Provvisoriamente accontentata ! ;-))

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    27 Marzo 2013 - 08:08

    Solo gli africani ignoranti non sono in grado di capire la differenza tra un morto e uno che ha perso i sensi...

    Report

    Rispondi

blog