Cerca

Dopo l'attentato

Fonti dell'intelligence giordana:
"Assad è morto stanotte"

Le condizioni del presidente siriano, ferito nell'attentato di un kamikaze il 22 marzo scorso, e sottoposto a due interventi arebbero precipitate nelle ultime ore

Bashar Assad, presidente della Siria

Bashar Assad, presidente della Siria

di Leonardo Piccini

Fonti di intelligence giordane e della resistenza siriana vicina al capo dell'opposizione, Ahmed Moaz al Khatib, danno ormai per certa la morte di Bashar Assad, presidente della Siria. Secondo quanto ha appreso Libero dalle stesse fonti, il decesso sarebbe avvenuto stanotte attorno alle 3.30, in un ospedale della capitale, appositamente requisito dalle forze di sicurezza siriane, dopo il gravissimo attentato suicida del 22 marzo scorso, compiuto con un’ auto imbottita di esplosivo lanciata a tutta velocità contro i fedeli radunati in preghiera nella moschea al Imane di Damasco. Nell’attentato, lo ricordiamo, sono morte 49 persone, mentre altri 84 fedeli sarebbero rimasti gravemente feriti. L'attacco è costato la vita anche al più importante immam sunnita, Mohammed Saeed Ramadam al Bouti e a suo nipote, entrambi molto popolari in Siria e molto vicini alla famiglia Assad. 

Le testimonianze Secondo quanto riferito dagli insorti, le condizioni del presidente siriano sono apparse fin da subito estremamente gravi: sei uomini della sua scorta sarebbero rimasti uccisi sul colpo, mentre altri quattro sono rimasti feriti in modo molto grave. Il presidente subito dopo l’attentato, sarebbe stato trasportato in un ospedale della capitale immediatamente evacuato dagli altri decenti e sottoposto a due interventi chirurgici. Le condizioni di salute sarebbero però precipitate nelle scorse ore fino alla crisi cardiaca di ieri notte che ne avrebbe causato il decesso. Testimoni riferiscono che per giorni l'ospedale in cui è stato ricoverato Assad, sarebbe stato piantato da mezzi cingolati, da paracadutisti e da elementi dell'Idarat al-Mukhabarat al Jaawiyya, la più importante delle agenzie di intelligence siriane. Le stesse fonti, riferiscono anche la presenza sul posto di Ali Mamluk il capo degli 007 siriani, che oggi si sarebbe dileguato. Sempre in queste ore, numerosi testimoni, riferiscono che la capitale Damasco sarebbe piombata nel caos: tra gli alti dignitari e i politici più importanti del regime di Assad sarebbe iniziato il fuggi-fuggi generale, mentre i famigliari del presidente avrebbero richiesto asilo politico in Iran.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianko

    30 Marzo 2013 - 19:07

    che godono come idioti perchè forse il dittatore morirà, ricordo: 1) scià di persia 2) saddam hussein 3)gheddafi 4)mubarak 5)tunisia, non ricordo il nome del leader ante 'rivoluzione' ecc.. cosa ci hanno guadagnato?? gli integralisti sono andati al potere, o si sono rafforzati pericolosamente.. non l'avete ancora capito che gli islamici hanno bisogno del bastone? che la democrazia non è compatibile con le loro teste di cazzo invasate? adesso vedremo in siria cosa succederà.. voi eravate quelli che tifavano per i bombardamenti nato alla serbia, brutte facce di mer*a**!! adesso vi piace il kosovo islamico e delinquenziale?? rispondete ILOTI!! che vi faccio il **culo a mongolfiera**

    Report

    Rispondi

  • antari

    29 Marzo 2013 - 12:12

    ma far secco uno come Assad e' cosa buona e giustissimissima!

    Report

    Rispondi

  • ramon57

    28 Marzo 2013 - 15:03

    Meditate dittatori, meditate.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    28 Marzo 2013 - 14:02

    questa è la fine che fanno i disonesti ed i prepotenti, la fine che fanno da sempre ma che negli ultimi decenni accade ancora di più... solo che non lo capiscono, e se lo capissero non sarebbero e non si comporterebbero da quelle bestie mostrano ddi essere. Sembrerà difficile a qualcuno, ma c'è un Grosso Nesso ed è anche vicino con le bestie della vecchia politica italiana ... e non è una speranza la mia, per me c'è del concreto ed è molto vicino anche.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog