Cerca

Non solo bambini...

Da Mao a Tito, ecco cosa mangiavano i dittatori comunisti

Il Grande Timoniere decideva le sorti del partito a tavola e andava pazzo per il maiale con lo scalogno. Per Josip Broz salsicce e pollo a colazione

Disciplina ferrea e spietatezza coi nemici, ma a a tavola grandi gourmet: tutte le debolezze dei tiranni rossi
Da Mao a Tito, ecco cosa mangiavano i dittatori comunisti

 

di Roberto Festorazzi

Mao Tse Tung e Josip Broz Tito, due satrapi rossi con molti lati in comune. Classe 1893 il primo, di un anno più anziano il secondo, entrambi eterodossi e scismatici nel campo dell’internazional-comunismo dominato dalla stella moscovita. Ambedue, infine, forgiatori di sistemi politici superati dalla storia e non sopravvissuti ai loro demiurghi. Da un lato, il sistema cinese, che ha conosciuto una mutazione genetica, tale da trasformarlo da monolite dell’ideologia marxista a sistema ibrido: un impero ultraliberista retto da una cricca che concentra su di sé l’eredità statolatrica del maoismo. Sull’altro versante, il modello federalista jugoslavo del leninista socialdemocratico Tito, autoimploso negli anni Novanta con una guerra civile velenosissima e cruenta.

In ogni caso, il nome dei due condottieri affiora nel presente cinese e in quello slavo, come se si trattasse di padri controversi dai quali non si può tuttavia prescindere. Visti da sinistra, Mao e Tito sono stati due patriarchi del comunismo. Visti da destra, invece, due tiranni spietati. Per raccontarli, li mostreremo così come realmente furono. Cioè, spiandoli dal buco della serratura, in una delle funzioni più prosaiche, e insieme più intimamente rivelatrici di un carattere umano: e cioè, nell’atto di mangiare. 


Leggi la prima parte dell'articolo di Roberto Festorazzi
su Libero in edicola oggi, venerdì 5 aprile

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • coruncanio

    05 Aprile 2013 - 19:07

    Sei fesso !!!

    Report

    Rispondi

  • UNGHlACCIANERA

    05 Aprile 2013 - 15:03

    festini a luci rosse, escort, minorenni...

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    05 Aprile 2013 - 10:10

    Anche oggi i tiranni accantonano capitali e s'ingrassano con lauti pranzi mentre il popolo rischia di morire di fame. Anche nel nostro piccolo, la casta fa finta di ridurre le spese ma sotto sotto non lo fa! Ma, da noi il popolino è felice di mangiare la rosticciana bruciacchiata alle feste dell'unità.

    Report

    Rispondi

blog