Cerca

Alta tensione

Siria, rapiti 4 giornalisti italiani,
sono nelle mani dei ribelli

Un cronista della Rai e tre free lance sono stati fermati gruppo estremista della guerriglia contro Damasco. La Farnesina: "Massimo riserbo per la loro incolumità"

Siria, rapiti 4 giornalisti italiani,
sono nelle mani dei ribelli

Quattro giornalisti italiani sono stati rapiti in Siria, a nord del paese, nella parte controllata dai ribelli che contestano il regime di Assad. Nel gruppo ci sono un giornalista della Rai, e due freelance, un veterano della fotografia di guerra ed un operatore oltre ad un italo siriano che faceva da guida. Gli italiani sono entrati in territorio siriano passando dalla Turchia. A rapirli sarebbe stato un gruppo estremista della guerriglia contro Damasco. La Farnesina voleva tenere riservata la notizia per cercare di non alzare la posta e risolvere il rapimento in poche ore o giorni. Ma sui social network, soprattutto facebook, la notizia è arrivata subito. Il giornalista Rai prima della sua partenza aveva scritto sul suo profilo: "Ci siamo. Parto. Per la Siria, ancora una volta. E' doveroso e spero che serva a bucare il muro dell'indifferenza”. Ora si trova nelle mani dei rapitori. Intanto la Farnesina  ha confermato il sequestro precisando di seguire "sin dai primi momenti la vicenda. L'unità di crisi si è immediatamente attivata ed è in contatto con i familiari. "Occorre mantenere il massimo riserbo perchè l'incolumità dei connazionali resta la priorità assoluta". (I.S.)

 

 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • voiturderi

    06 Aprile 2013 - 22:10

    Certo a tè piacciono i saccenti che sanno lo scibile umano,dalla patonza alla politica passando per il gossip.Quelli che non hanno mai alzato il culo dalla seggiola, se non per andare a prendere notizie di cronaca nera in questura parlo dei vari Sallustri, Belpietro,Vespa,Mieli,santoro,Scalfari,Ferrara,Mauro quelli che sono esperti di patonza o di plastici. Quelli che vogliono fare il lavoro degnamente andare la dove nasce la notizia per poi riportarla via video per tè sono carne da macello. Ma da quale ano sei nato? da quale istituto di celobrolesi sei uscito? Tu devi essere uno a cui le piace vivere alle splle degli altri

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    06 Aprile 2013 - 22:10

    è meno peggio perché sono in mano ai ribelli, cioè per i ns. è un modo di sapere cosa veramente succede in Siria, oppure è un grosso guaio perché trovandosi coinvolti nella rivoluzione siriana rischiano la vita? Mi sa, comunque, che poi ci sarà un conto da pagare; o sulla pelle dei giornalisti oppure uno sborso per l'Italia.

    Report

    Rispondi

  • plaunad

    06 Aprile 2013 - 11:11

    Sono giornalisti? E chi se ne frega.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    06 Aprile 2013 - 11:11

    Mettete la cosa nelle capaci mani del Presidente del Consiglio Mario Monti, l'uomo che ha dato nuovo lustro alla politica estera italiana! Il risultato è garantito. Chiedere all'India per credere!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog