Cerca

Figure "professionali"

Cina, pagati per guardare film porno

L'ultima frontiera del lavoro arriva dalla Cina: un sogno oppure una schifezza?

Cina, pagati per guardare film porno

Un "lavoro" che rischia di creare un esercito di nuovi ricchi: essere pagati per guardare film pornografici. Tutto il giorno. Per alcuni potrebbe essere un sogno, per altri una vera e propria schifezza. Ma tant'è. Il mestiere è stato presentato da Gizmodo, e arriva dalla Cina, dove i controlli sui contenuti diffusi online sono molto stringenti. E così, in questo contesto, è nata la figura professionale del controllore di contenuti pornografici. Cosa dovrà fare? Semplice: esplorare gli angoli più remoti della rete alla caccia dei contributi più sconvenienti.

I requisiti - E lo stipendio, soprattutto per gli standard cinesi, non è affatto malvagio: si tratta di 25.450 euro annui, benefit inclusi, tra cui il cibo da sgranocchiare di fronte allo schermo. In due giorni hanno risposto all'offerta di lavoro migliaia di persone: molti curriculum sono arrivati dall'estero. Altro requisito per ottenere il lavoro è avere conoscenze di diritto cinese. Inoltre il candidato deve essere laureato e avere tra i 20 e i 35 anni. Dopo l'assunzione, tra gli altri benefit, una copertura assicurativa, il rimborso per trasporto e libri, un telefono aziendale, visite mediche e un regalo per i figli.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Albatross

    28 Aprile 2013 - 22:10

    E due! Finora un solo post, quello di PERFIDO, era riuscito a strapparmi una risata per la sua arguzia, brevità ed intelligenza. Col suo, PartitoDemagogico, che sottoscrivo cosi come ho fatto con quello di Perfido, sono arrivato a due. In una giornata difficile a livello personale, lei mi ha regalato una risata liberatoria. Grazie!

    Report

    Rispondi

  • PartitoDemagogico

    27 Aprile 2013 - 19:07

    ...la laurea per vedere del porno e' fondamentale. Forse e' per questi che il 110% dei neolaureati non sa fare un cazzo.

    Report

    Rispondi

blog