Cerca

La condanna dell'Iran

Siria, nuovo attacco di Israele
Colpite basi militari

Il premier Netanyahu non commenta, dura la condanna dell'Iran che si dice pronto ad "addestrare l'esercito siriano"

Siria, nuovo attacco di Israele
Colpite basi militari

 

I caccia israeliani hanno condotto un nuovo raid nei pressi di Damasco questa mattina all'alba sempre per colpire un carico di missili prodotti dall'Iran destinati ad Hezbollah. Lo riporta la radio israeliana, citando una fonte diplomatica occidentale, e sottolineando che anche fonti israeliane confermano che vi è stato un attacco in Siria I missili distrutti sono del tipo Fatah 110, che hanno una gittata di 300 chilometri. Dall'ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu e dall'esercito israeliano non è arrivato nessun commento. intervenendo ad una cerimonia ufficiale per l'apertura di un'autostrada - di cui uno degli svincoli e' intitolato al padre Ben Zion Netanyahu - si e' limitato  ad accennare al fatto che il genitore gli ha insegnato ''il grande impegno che abbiamo nell'assicurare la sicurezza di Israele e nel fortificare il suo futuro''. Netanyahu partirà nel pomeriggio per la Cina dove resterà  cinque giorni: il suo primo viaggio nel paese dell'estremo oriente da quando è premier. 

La reazione - Mentre il comandante delle Forze di terra iraniane, Amir Ahmad-Reza Pourdastan, ha detto che se necessario l'Iran è pronto ad addestrare l'esercito siriano.Il generale ha premesso che ''la Siria ha un forte esercito e, con la struttura e l'esperienza accumulata nel confronto con il regime sionista, puo' sicuramente difendere il paese e non c'e' bisogno di interferenze da parte di altri paesi. Ma se c'e' qualsiasi bisogno di addestramento, possiamo aiutarli''.  Per la Siria l'attacco di Israele rappresenta una "dichiarazione di guerra" 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mbotawy'

    06 Maggio 2013 - 22:10

    Lo aveva annunciato poco tempo fa' riguardo ad un intervento contro la Syria. Israele praticamente e' il 52esimo stato degli USA, e per questo il suo recente intervento.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    06 Maggio 2013 - 10:10

    e' bene sistemare le cose subito: tutti i Paesi normali dovrebbero ringraziare gli Israeliani per aver iniziato la pulizia.

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    05 Maggio 2013 - 18:06

    nella medesima maniera di quella dell'Iraq. Intanto si pensa a distruggere la forza militare siriana e mentre l'Iran addestra il suo esercito la Siria è talmente indebolita che darà l'Ok alle installazioni occidentali per risolvere la questione.

    Report

    Rispondi

blog