Cerca

Identificato un 39enne

Attentato a Parigi, ecco la faccia del terrorista degli Champs Elysées: chi è, cosa scriveva, come ha ucciso

14
Attentato a Parigi, ecco la faccia del terrorista degli Champs Elysées: chi è, cosa scriveva, come ha ucciso

Un lupo solitario ispirato dall'Isis? Di sicuro, il terrorista di Parigi era noto da tempo alle autorità francesi. Il killer che ha ucciso un agente ferendone altri due e seminando il panico giovedì sera sugli Champs Elysées sarebbe un 39enne, Karim Cheurfi. Secondo la stampa francese, diversamente da quanto ipotizzato in un primo momento, non era schedato come radicalizzato ma come "criminale comune", anche se in febbraio era stata aperta un'inchiesta dal polo anti-terrorismo dopo minacce alle forze dell'ordine. Era stato fermato e poi rilasciato. Giovedì sera, nella sua auto, gli agenti hanno ritrovato armi, coltelli, un Corano e scritte inneggianti all'Isis.

Risiedeva a Seine-et-Marne, a pochi chilometri dalla capitale francese. Il jihadista degli Champs Elysées ha alle spalle molti precedenti. Come ricorda il Corriere della Sera nel 2001 era stato sorpreso su un'auto rubata e aveva reagito sparando agli agenti. Lungo inseguimento, arresto, condanna a 20 anni. In carcere ha aggredito una guardia ferendola con la sua pistola, dopo averla avvicinata con la scusa di chiedere una medicina. Ora, la risposta al richiamo del Califfato: sangue sulle elezioni francesi, terrore sulla politica europea.

Pochi minuti prima dell'attentato aveva scritto sul sistema di messaggistica Telegram di voler "uccidere degli agenti". Poi si è diretto al volante di una berlina sulla via più famosa di Parigi, al semaforo ha affiancato un'auto della polizia e ha aperto il fuoco, uccidendo l'agente alla guida. Ancora poco chiaro il quadro sui presunti complici. La rivendicazione dell'Isis, a proposito dell'attentatore, parla di Abu Youssef Il Belga, dando il là a possibili piste su aiutanti provenienti proprio da quella cellula belga fondamentale nella organizzazione della strage del Bataclan. Per ora l'uomo sospettato e dato come "in fuga" si è presentato spontaneamente alla polizia di Anversa, in Belgio, che ha escluso ogni suo coinvolgimento. Sono tre invece le persone fermate a Parigi, tutti famigliari del terrorista morto.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • smrncl

    smrncl

    21 Aprile 2017 - 20:08

    Questi macellai hanno il campo libero grazie alla debolezza politica dei nostri sistemi. Tutta l'Europa è un bersaglio Trump il profeta aveva anche anticipato l'attentato in Svezia come fosse già avvenuto ed è stato preso per i fondelli da tutti....magari ha solo sbagliato data...

    Report

    Rispondi

  • nick2

    21 Aprile 2017 - 10:10

    Paolo Quadri, ho sbagliato. Parlare seriamente con un banana decerebrato è solo una perdita di tempo. Cecchini e Kampus hanno capito come trattarvi. Vi prendono per il culo, si divertono e vi fanno scoppiare dalla rabbia. Il vostro ex statista, vi sopravvalutata quando vi considerava come bambini di 12 anni. I vostri commenti sono a livello di prima elementare (come idee e come grammatica)..

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    21 Aprile 2017 - 10:10

    Non si puo' far entrare la volpe nel pollaio e non aspettarsi che divori le gallinelle...Questo vale per tutta Europa. Se, in Italia, gli italiani passivi, sottomessi e servi di Regime accettano senza muovere ciglio i deliri global della Boldracca capitana della nave da crociera "Costa Clandestini" e dei suoi compari delle ONG, non si devono poi lamentare della ferocia islamica e rivotare PD

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media