Cerca

Orrore a Cleveland

Botte, gravidanze, aborti
Ecco la terribile prigionia
delle ragazze sequestrate

Gli inquirenti stanno ora setacciando il giardino dove sono state trovate tracce di terra rimossa

Due delle ragazze sequestrate

Due delle ragazze sequestrate

 

Segregazione, aborti, botte, violenza. Emergono piano piano gli inquietanti dettagli del sequestro delle tre ragazze sparite una decina d’anni fa a Cleveland, in Ohio. L’Fbi ha concluso i primi interrogatori delle giovani e della la figlia di una di loro e prevede di interrogare già oggi i tre fratelli sospettati di averle tenute segregate nella casa. Uno specialista per abusi infantili ha incontrato Amanda Berry, sparita nel 2003, e la sua bimba di 6 anni, concepita durante la prigionia, oltre a Georgina Gina DeJesus, sparita nel 2004 e Michelle Knight, di cui si persero le tracce nel 2002.

Il proprietario della casa, Ariel Castro (52 anni), e i suoi fratelli, Pedro (54) e Oneil (50) saranno interrogati probabilmente da un’equipe congiunta della polizia locale e da agenti dell’Fbi. Le autorità hanno perquisito la casa degli orrori, con l'aiuto di un cane specializzato nella ricerca di cadaveri; gli inquirenti hanno esaminato con attenzione anche il giardino posteriore della casa, dove sono state trovate tracce di "terra rimossa". Secondo l’emittente locale Newsnet5, nella casa di Seymour Avenue ci furono "diverse gravidanze" e almeno una delle ragazze subì due o tre aborti e perché era malnutrita. Secondo un’altra fonte, nell’abitazione di Ariel Castro (l'unico dei fratelli ad abitarvi; gli altri due, Pedro e Onei, risiedevano altrove) nacquero almeno 5 bambini (non è chiaro se nel computo sia compresa la bimba di 6 anni, figlia di Amanda). Una delle fonti ha raccontato all’emittente Wkyc Tv che gli aguzzini picchiavano le ragazze incinte e per questo le gravidanze si interruppero. Non è chiaro cosa accadde dopo. Durante la perquisizione, gli inquirenti si sono concentrati su qualcosa di "inquietante" ritrovato nel giardino; la fonte non ha saputo dire se il ritrovamento abbia a che fare con le gravidanze. 

Intanto crescono gli interrogativi sulla gestione del caso da parte della polizia locale: si è saputo infatti che gli agenti arrivarono in due occasioni fino all’abitazione ma non si accorsero di nulla. Una prima volta gli agenti furono chiamati proprio da Ariel Castro per una lite in strada. Qualche anno più tardi, nel 2004, gli agenti federali tornarono nuovamente a bussare alla porta di Castro (che ha lavorato come autista di scuolabus a Cleveland fino allo scorso anno): erano gli uomini del Child Protective Services, in sostanza i servizi sociali, che volevano interrogare Castro per aver inavvertitamente lasciato un bambino sul pullmino, al termine del suo giro. Ma non lo trovarono in casa, non tornarono mai più e l’episodio fu archiviato. Secondo i media americani, le ragazze venivano tenute segregate probabilmente in camere diverse e legate con catene e legacci, forse in momenti diversi l’una dall’altra.

Sta bene la piccola di 6 anni. La bimba, che si chiama Jocelyn, "sta alla grande, sembra felice, in salute e ha mangiato un ghiacciolo la scorsa notte", ha raccontato il vice capo della polizia di Cleveland, Ed Tomba. "Vedere la madre sorridere l’ha fatta sorridere". Secondo il portavoce dell’Fbi, Vichi Anderson, Jocelyn negli anni in cui era segregata è stata scolarizzata in casa dalla madre; un esame del Dna stabilirà a breve chi è suo padre.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Lucioasta

    09 Maggio 2013 - 00:12

    Con il dovuto rispetto per gli ankim ali, questi 3 esseri immondi non vanno condannati,bensì appesi per un gancio e scuoiati come i conigli.

    Report

    Rispondi

    • allianz

      01 Dicembre 2014 - 16:04

      Meglio il toro di Falaride con il gas sotto la panza che si può spegnere qualdo si vuole per prolungare la sofferenza.....E on il microfono davanti al muso per trasmettere in diretta i "muggiti"mi raccomando.

      Report

      Rispondi

  • PAXAETARNAE

    08 Maggio 2013 - 21:09

    negli USA meno male che c'e' la giustizia non come da noi , spero che in carcere possano vivere 100 anni di pene d'inferno con una lentissima fine

    Report

    Rispondi

  • PAXAETARNAE

    08 Maggio 2013 - 21:09

    negli USA meno male che c'e' la giustizia non come da noi , spero che in carcere possano vivere 100 anni di pene d'inferno con una lentissima fine

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    08 Maggio 2013 - 13:01

    lasciare agli altri detenuti il compito e la gioia di farlo loro, non c'e' bisogno di spendere soldi per fare il processo noi. Poi una volta raggiunta la sentenza degli altri detenuti allora la rendiamo esecutiva (per forma, tanto sempre in galera stanno). La voce di Amanda e' come un raggio di sole, che Dio la benedica insieme a Georgina e Michelle. Una nota alla Polizia di Cleveland : quando ricevete una segnalazione mandateci i poliziotti capaci invece di quelli incapaci che fanno finta di niente. Un augurio alle ragazze di tornare presto a sorridere: tutto il Paese e il mondo occidentale sono con voi.

    Report

    Rispondi

blog