Cerca

Libro cuore

Oliver, il bimbo malato di cancro che sognava di incontrare la regina

La Regina Elisabetta si è rifiutata di incontrarlo, ma a realizzare il suo sogno ci ha pensato l'attrice da Oscar

Contattata dall'associazione National Children's Tumour Leukaemia Cancer Trust» l'attrice Hellen Mirren ha mandato una limousine sotto casa di Oliver
Oliver, il bimbo malato di cancro che sognava di incontrare la regina

 

Sua maestà Regina Elisabetta, possibile che tra un thè e un pasticcino, non abbia trovato il tempo per fare una carezza ad Oliver?  Oliver non è un capo di Stato, non ha una goccia di sangue blu ma il suo sangue è malato di cancro, Oliver è un bambino down di dieci anni su cui il destino ha infierito come una belva feroce perché a tre anni lo ha aggredito la leucemia che poi si è insinuata maligna e bastarda anche nelle ossa e ha già attaccato la colonna vertebrale. Oliver  non ha più futuro ma aveva un sogno. Era quello di incontrare la Regina Elisabetta. Sua Maestà non ha trovato il tempo per incontrare questo suddito così speciale. Ci piacerebbe davvero sapere cosa avesse di tanto importante, cosa c'è di più urgente di un bambino senza domani che vuole realizzare il sogno della sua vita così breve, così triste. E pensare che tra qualche mese diventerà bisnonna: magari in quel momento quando stringerà per la foto ufficiale il figlio di Kate e William il suo cuore di ghiaccio avrà un sussulto. Chissà. 

Il sogno si avvera....Per fortuna come in tutte le storie anche in questa non c'è solo la strega cattiva ma c'è anche una fata buona. Non ha la bacchetta magica, ha tantissime cose da fare ma ha trovato il tempo di regalare un sogno, l'ultimo, ad Oliver. Contattata dall'associazione National Children's Tumour Leukaemia Cancer Trust Helen Mirren, l'attrice che per l'interpretazione di Elisabetta ha vinto un Oscar non ci ha pensato un secondo.. Ha annullato tutti i suoi impegni e ha fatto quello che avrebbe dovuto fare la Regina. Ha mandato una limousine sotto casa di Oliver, lo ha portato a vedere lo spettacolo teatrale The Audience e dopo l'ha invitato a sorseggiare un tè con lei e poi lo ha nominato "sir", baronetto. Era tutto finto: Buckingham Palace, la regina, i vestiti color pastello e la collana di perle, il titolo di baronetto. Ma per Oliver era tutto vero e incredibilmente bello. Quello era il sogno della sua vita e quella regina era la regina del suo cuore. La Regina Elisabetta, invece, il cuore l'ha conservato ben bene in naftalina.  

Lucia Esposito@luciaesposito5 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RANMA

    22 Maggio 2013 - 12:12

    la madre non gli aveva mai fatto una carezza né dato un bacio,nè tantomeno stretto fra le braccia,ma anzi aveva sempre messo mezzo metro di distanza fra loro. Non donna,non madre,non nonna ma solo regina,certo non di cuori.

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    22 Maggio 2013 - 09:09

    La regina non ci avrebbe guadagnato niente. Poveri inglesi. Nessuno gli ha ancora detto che hanno inventato il bidet!

    Report

    Rispondi

  • herbavoliox

    22 Maggio 2013 - 09:09

    all'attrice che ha realizzato questo sogno. Un oscar ben meritato in bravura e sensibilità. Grazie.

    Report

    Rispondi

  • cicillo

    21 Maggio 2013 - 20:08

    Che si vergogni la tanto amata (dai suoi sudditi) regina per una simile vigliaccata. Chiunque difronte ad una simile richiesta DEVE mollare tutto subito, dal momento che non c'è molto tempo per questa GRANDE persona. Ancor più grande della vergognosa regina, qualunque siano stati i suoi impegni, fossi in lei sprofonderei sotto 10 metri di terra per la vergogna.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog