Cerca

Ondata di maltempo

L'Europa centrale sotto la pioggia
Allarme per la piena del Danubio

Repubblica Ceca, Germania e Austria: i Paesi più colpiti. Migliaia le case evacuate, morti e dispersi a Praga

La città di Passau sommersa dall'acqua

La città di Passau sommersa dall'acqua

E’ di almeno 5 morti e 8 dispersi il bilancio dell’ondata di maltempo che sta colpendo una vasta regione dell’Europa centrale con piogge torrenziali, inondazioni e smottamenti. In Austria, Germania e nella Repubblica Ceca sono state mobilitate unità dell’esercito per contribuire alle operazioni di soccorso. Migliaia le abitazioni evacuate, dove molte strade sono state chiuse ed i servizi ferroviari interrotti.

Guarda la gallery: "L'alluvione peggiore dal 2002"
Guarda la gallery: "E' stato d'emergenza"

Repubblica Ceca - A Praga sono chiuse le stazioni della metropolitana e le scuole mentre viene continuamente monitorato il livello delle acque del fiume Moldava. Il premier ceco Petr Necas ha convocato una speciale riunione di gabinetto ieri per coordinare la risposta di emergenza mentre un migliaio di unità dell’esercito è stato mobilitato per contribuire ad erigere barriere e disporre sacchi di sabbia nelle zone più a rischio. Due persone sono morte e 4 risultano disperse fuori Praga per il crollo di un’abitazione. Il corpo senza vita di un uomo di 50 anni è stato trovato a nordest della capitale mentre due persone risultano disperse a sudest di Praga. 

Austria - In Austria, secondo il servizio meteorologico in   due giorni si sono verificate le precipitazioni che normalmente avvengono in due mesi. Un uomo è stato trovato morto vicino Salisburgo dopo uno smottamento. Altre due persone risultano disperse nella stessa zona. L'esercito è stato mobilitato a Taxenbach, a sud di Salisburgo, per contribuire nelle operazioni di rimozione di terra e detriti che ostacolano le strade dopo gli smottamenti.

Germania - In Germania, è allerta della Baviera per le continue piogge che  mettono a rischio Danubio e Inn. Le città di Passau e Rosenheim hanno  proclamato lo stato di emergenza. Il ministro dell’Interno, Hans-Peter Friedrich (Csu) si è recato questa mattina in varie città della Sassonia, per rendersi conto della gravità della situazione. Drammatica è nel frattempo la situazione a Passau, dove l’Inn confluisce nel Danubio: il centro storico è completamente allagato, costringendo le forze di soccorso a circolare solo con i gommoni. Questa mattina l’Inn ha raggiunto i 9,50 metri di altezza, mentre il Danubio ha toccato i 12 metri. "Per il Danubio ci aspettiamo che a mezzogiorno il livello salga a 12,55 metri", ha comunicato il portavoce della Protezione civile cittadina, aggiungendo che entrambi i corsi d’acqua "in giornata raggiungeranno i livelli storici toccati nel 1954". Nel frattempo in città la fornitura di energia elettrica è stata sospesa per motivi di sicurezza, mentre un portavoce della Deutsche Bahn ha comunicato che alcune linee ferroviarie in Alta e Bassa Baviera risultano interrotte, come pure la linea che collega Monaco di Baviera a Salisburgo. Normale è invece la situazione negli aeroporti della capitale bavarese, di Norimberga e di Augsburg. Ma la Baviera non è l’unico stato colpito in Germania: inondazioni si sono verificate anche in Sassonia, Turingia e Baden-Wuerttemberg. Il cancelliere Angela Merkel ha parlato per telefono della situazione con i premier di baviera e Sassonia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog